Stephenie Meyer non è pronta ad abbandonare la saga di Twilight

di Valentina Cervelli Commenta

Breaking Dawn è giunto nelle sale con la sua prima pellicola (per rendere appieno l’intero libro, un po’ come le nostre recensioni  è stato diviso in due parti, n.d.r.) e nemmeno a dirlo, la mai sopita Twilight-mania è nuovamente esplosa, portando però con sé questa volta un contributo importante: quello della sua scrittrice, Stephenie Meyer, che tiene aperta una porta verso un futuro  costellato da nuovi libri della serie.

Il tutto nasce dalle dichiarazioni che alla premiere americana, qualche giorno fa, l’hanno vista mostrare con molta forza il dispiacere per la fine della trasposizione cinematografica della sua storia di vampiri.  In questo capitolo, al pari del primo, Twilight, la Meyer effettua un cameo davvero interessante: fa infatti parte degli invitati al matrimonio.

Il regista Bill Condon ci ha messo un po’ a convincerla, ma l’esperienza vissuta nel momento nel quale Kristen Stewart, l’attrice che interpreta la sua eroina Bella Swan si è avvicinata all’altare ha di certo ripagato tutti i dubbi:

Non volevo essere ripresa, ma Bill era tutto un “Dai, sarà stupendo!! “. E quando Kristen è scesa per le scale la prima volta e mi ha fissato negli occhi, è stato come se fosse stato un vero matrimonio. E’ stato straordinario.

L’autrice è nota per essere una persona molto riservata e timida. Non ha mai ricercato finora il clamore mediatico o l’apparizione televisiva. E lei stessa conferma che è stato divertente starsene “nascosta” in questi anni. E in merito alla saga ed alla sua fine ha ammesso:

E’ interessante avere finito e non avere finito. Anche per ciò che riguarda l’ultima notte di riprese…è arrivata è non sembrava che fosse la fine. Non sono ancora sicura di come sarà. Mi mancheranno molto questi ragazzi.

Di certo, sebbene non vi sia una data, vi  è la conferma di Stephenie  Meyer che prima o poi completerà Midnight Sun, il primo libro rivisto dal punto di vista di Edward , diffuso illegalmente in rete qualche anno fa.  Chissà che non venga presa dalla voglia di farci sapere qualcos’altro della famiglia Cullen…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>