Perchè i libri stranieri per adolescenti non vengono tradotti in Italia?

di Valentina Cervelli 1

 Stilando la classifica dei libri più venduti a natale, mi è venuta, complice Karen Swan, l’idea di vedere cosa offrisse il mercato a livello di letteratura rosa-adolescenziale. Insomma, quei libri che nell’adolescenza (la mia almeno) sono in grado di emozionare e spingere alla lettura. A miei tempi mi colpirono, e con molta probabilità mi emozionerebbero ancora. Una volta, sebbene in collane bistrattate, questi libri erano trattati abbastanza di sovente. Facendo una piccola ricerca mi sono accorta che non è più così.

Esempio tra tutti è il nuovo libro della scrittrice Stephanie Perkins. Giovane, talentuosa, arrivata alla sua seconda opera. L’Italia, o meglio gli editori italiani, non hanno nessuna intenzione di pubblicare per il momento, nessuno dei suoi due libri. E la ragazza è al momento ciò che in lingua anglosassone verrebbe definita “sensation”, ovvero la scrittrice di tendenza.  Perchè questo accade? Gli adolescenti italiani non hanno diritto a storie semplici e pulite e prive di violenza? O si è deciso di saltare piè pari questa particolare categoria?

Forse avrò avuto “sfortuna” io, ma sono anni che non vedo libri di questo genere nelle librerie, e quando si trovano sono letteralmente sommersi da opere che con loro non hanno nulla a che fare e che praticamente le soffocano anche a livello visivo. Ai tempi della mia adolescenza, ( e parliamo di circa 15-10 anni fa), era molto semplice imbattersi in questi libri per ragazze e ragazzi, spesso scritti con l’ironia alla Luciana Litizzetto e elargiti ad un prezzo accessibile. Li compravo da sola, e me li regalavano i miei, sicuri che non vi sarebbe stato nulla di poco adatto.

E “Lola and the boy next door” di Stephanie Perkins rientra a pieno titolo in questa tipologia. Possibile che sia tanto interessante da parlarne in diversi siti ufficiali a tal punto di consigliarne una lettura inglese via ebook, ma così “dimenticato” da non concepirne una traduzione italiana? Come si pretende di avvicinare i giovani alla lettura se non si danno loro i mezzi?

Commenti (1)

  1. In italia ci sono pochi romanzi moderni per ragazzi
    Basta pensare che i romanzi per ragazzi giapponesi (le cosiddette light novel) stanno iniziando ad arrivare solo ora in piccola quantità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>