Libri del 2011: l’anno degli scrittori emergenti

di Giada Aramu Commenta

Sta per concludersi questo lungo anno di novità e, nel fare posto ai libri che verranno acquistati nel 2012, non è stato difficile giungere a una semplice conclusione: il 2011, sempre in bilico tra tradizione e modernità, è stato l’anno dei debuttanti.

Osservando i libri che, da gennaio a dicembre, si sono accumulati sui nostri scaffali noteremo infatti che sono molti i nomi che alla fine del 2010 ancora non conoscevamo, gli stessi che per settimane (se non addirittura mesi) hanno occupato le prime posizioni delle classifiche dei libri più venduti. Esordienti ma non solo: le nuove penne del 2011 sono state per la prevalenza tutte donne, un bel risultato che riempie di orgoglio tutte le lettrici e le ragazze che non escono di casa senza un buon libro in borsetta.

Il 2011 ci ha regalato nomi come Vanessa Diffenbaugh, autrice del fortunato Il linguaggio segreto dei fiori; Mariapia Veladiano, vincitrice del Premio Strega 2010 ma sbocciata nell’anno corrente grazie al suo romanzo di esordio La vita accanto; la scrittrice Eowyn Ivey, autrice de La bambina di neve, ultimo romanzo in uscita nel 2011 e già successo letterario. Parlando di fenomeni letterari è impossibile non citare uno dei libri più venduti dell’anno scritto da una scrittrice spagnola, Clara Sanchez, finalmente nota in Italia e da tempo attiva nel Paese di origine. Il suo romanzo, Il profumo delle foglie di limone, mischia l’amore a una delle vicende simbolo dell’odio e dell’intolleranza: il nazismo.

E gli uomini? Il 2011 ci ha anche svelato successi come Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, una storia scritta da Jonas Jonasson che, una volta impugnata la sua penna, si è divertito nel raccontare ai suoi lettori una storia incredibile campione di vendite in tutto il mondo. Dalla Svezia alla Francia: cucina e amore sono stati i protagonisti del romanzo Gli ingredienti segreti dell’amore, romanzo di Nicolas Barreau, giovane esordiente bilingue della Rive Gauche scoperto in Germania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>