Quattro libri di ricette da non perdere

di Valentina Cervelli Commenta

Oggi ci sentiamo alquanto golosi. Motivo per il quale vogliamo consigliarvi quattro libri di ricette da non farvi mancare nella vostra libreria ed in cucina. Siamo orientati, lo diciamo apertamente, nel suggerirvi volumi usciti negli ultimi cinque o sei anni, più vicini all’attuale modo di cucinare in termini cronologici.

Non aspettatevi quindi suggerimenti da “Cucchiaio d’argento“: rimarremo su qualcosa di più recente e di più popolare. Alcuni li abbiamo provati personalmente, altri li riteniamo validi “a scatola chiusa”. Quindi qualsiasi suggerimento abbiate in tal senso, non siate timidi e raccontatecelo.

1) Le ricette di casa Clerici, di Antonella Clerici. Potrete anche non crederci, ma giusto un paio di giorni fa avevo bisogno di una ricetta semplice e veloce. Ho aperto il libro, messo in atto ed il risultato è stato fantastico. E non è la prima volta che mi capita con le ricette suggerite dalla presentatrice. Avrete sempre modo di fare colpo con i suoi suggerimenti.

2) Cotto e Mangiato, di Tessa Gelisio. Direttamente ispirato a ciò che la donna ha presentato nel corso delle puntate della sua trasmissione televisiva, anche questi suggerimenti non sono davvero niente male. Secondo me il valore di un libro di ricette, se lo si possiede, è direttamente proporzionale alla bella figura che si fanno con i suoi piatti. E questo volume rientra in quella casistica.

3) L’arte di utilizzare gli avanzi della mensa, di Olindo Guerrini. Qui facciamo un’eccezione alla regola. Si tratta di un libro del 1918, rieditato in questi giorni da Bruno Barbieri, conosciuto ai più purtroppo non perché cuoco italiano con il maggior numero di stelle Michelin, quanto per il suo ruolo di giurato a Masterchef. In questo caso il titolo dice tutto.

4) Stupire in cucina in 20 minuti di Simone Rugiati. Grazie ai suoi consigli, ho imparato a cucinare davvero tanti piatti. Ve lo consiglio. Nonostante ciò che potete vedere in televisione, il suo ricettario è semplice da comprendere e mettere in pratica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>