Anna Moroni: Il mio libro di cucina

di isayblog4 Commenta

Aveva divertito tutti i telespettatori della Prova del cuoco con la sua vocina acuta e i rimproveri diretti alla sua “Antonellina”, mentre oggi la simpatica Anna Moroni è pronta a conquistare tutti i palati golosi di manicaretti e pietanze succulente con un nuovo libro che profuma di casa, Il mio libro di cucina, un libro pubblicato dalla casa editrice Rizzoli e che è già pronto a diventare un best seller. Dopo i numerosi libri scritti a quattro mani con la conduttrice del programma, la ex pasticciona Antonella Clerici, ora Anna Moroni tenta un solitario editoriale e culinario con un libro dedicato a tutte le casalinghe e le giovani cuoche che vogliano imparare i trucchi di una “zia” nazionale.

Il mio libro di cucina è un volume ricco di illustrazioni e farcito di oltre 200 ricette, un ottimo alleato di chi è alla ricerca di una guida culinaria italiana che affronti i sapori della terra nostrana e li renda più semplici e realizzabili anche per coloro che non hanno una grande dimestichezza con pasta filo e tegami. Ricette semplici, gustose e ispirate alla terra della cuoca, l’Umbria, e ai ricordi della cuoca Moroni. Cucina e ricette ma non solo: oltre ai trucchi culinari, Anna Moroni racconterà a tutte le lettrici e i lettori i racconti più belli ed affascinanti della sua vita, dagli incontri con chef famosi alle chiacchere di paese con la massaie della sua città. Un percorso in itinere che alterna i ricordi, gli affetti e la famiglia della cuoca alle ricette che l’hanno resa famosa e che ancora oggi rendono caratteristica la sua cucina, una cucina tradizionale che ricorda il profumo di pane, di salse e di casa, profumi della nostra tradizione che rischiano di essere persi e che le donne italiane dovrebbero conservare e mantenere vivi per i loro figli e i figli dei loro figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>