Apre a Lecce la Banca del Libro

di Valentina Cervelli Commenta

Libri per chi non può permettersi di comprarli. Un progetto davvero interessante ed utile quello partito a Lecce in questi giorni: parliamo della Banca del libro che unita all’iniziativa “Acchiappalibri”, consentirà di dare un discreto taglio al gap di possibilità che spesso hanno coloro che vivono nel bisogno in materia culturale. In entrambi i casi parliamo di uno strumento per prendere in prestito o ricevere in regalo dei libri.

In particolare la Banca del Libro, per tutta la durata dell’anno scolastico intende venire incontro a tutte quelle famiglie che hanno necessità in particolare di libri scolastici e che non riescono a far fronte alla spesa. Commenta uno dei responsabili dell’iniziativa, Carmen Tessitore:

I libri arricchiscono la mente, sviluppano l’immaginazione, la capacità di pensare, danno sostanza alla crescita della persona. La lettura è scoperta, informazione, ispirazione, emozione, un modo semplice ed efficace per nutrire l’intelligenza e lo spirito che riveste un ruolo fondamentale nella costruzione della propria personalità. E’ bene avvicinare bambini e ragazzi all’universo del libro nella prospettiva di costituire una comunità di ‘lettori’ che scoprano nell’amore per la lettura, una caratteristica imprescindibile della propria identità.

E’ innegabile che un’iniziativa del genere non può essere vista solo sotto l’ottica di un aiuto concreto delle famiglie. E’ palese che coinvolga anche una certa progettualità educativa e ludica nei confronti dei bambini che sempre di più a causa della tecnologia non conoscono quanto possa essere appagante un’esperienza di lettura personale intrapresa per puro divertimento.

I libri di narrativa e quelli scolastici verranno raccolti all’interno della Banca del libro, che sarà sita in Viale Ugo Foscolo 31/a, presso l’Assessorato comunale alla Pubblica Istruzione. La raccolta inizierà ad ottobre, creando una rete di solidarietà tra istituzioni, cittadini ed esercenti del settore. Si potranno donare alla banca libri nuovi, depositare in banca libri già letti e scambiarli con altri che si desidera leggere. Il tutto attraverso una Carta dei Servizi appositamente stilata ed un catalogo, con il passare dei mesi, preparato in base alle disponibilità.

Photo Credit | Sxu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>