Zanichelli, ora disponibili libri di testo digitali

di Valentina Cervelli Commenta

Quella dell’utilizzo di ebook a scuola smette di essere un’ipotesi e diventa realtà grazie alla casa editrice Zanichelli: sono infatti stati resi disponibili molti libri di testo in formato elettronico.

Da settembre, per le classi che vorranno adottare tale strategia, sarà possibile utilizzare al posto dei tradizionali libri di testo,  il libro scolastico in formato ebook. Basta con chili e chili di libri inutilizzati: la parola d’ordine d’ora in poi diventerà leggerezza.

Basterà possedere un qualsiasi tablet, un iPad od altri e-reader per poter studiare in tutta comodità senza i colossali sforzi fisici che ancora oggi gli studenti sostengono per poter usufruire degli strumenti necessari alla loro preparazione.  La casa editrice Zanichelli fa parte di quegli editori di fascia alta della vecchia scuola, caratterizzati da un bacino d’utenza immenso e una possibilità di sviluppo, grazie anche a forti introiti, molto alta.

Da sempre specializzata in testi scolastici, era quasi scontato che fosse la prima a rendere disponibili libri di testo in formato elettronico: in fin dei conti fu la prima che nel 1997 pubblicò il primo ebook in lingua italiana. Conoscete il manuale Amaldi di Fisica?

I libri del listino che potranno essere scaricati in formato digitale dagli alunni sono contrassegnati dall’etichetta “libro scaricabile” e contemporaneamente contengono il codice necessario al download nello stesso nel sito creato appositamente. Ovviamente se comprate il libro cartaceo non dovete poi nuovamente comprare la sua forma digitale: il pagamento univoco, vale per entrambi i formati.

Sottolinea Giuseppe Ferrari, direttore editoriale di Zanichelli :

Crediamo che nella transazione al digitale ci siano grandi opportunità per chi insegna e chi impara, e che questo è un primo passo verso il libro digitale che affianca e non sostituisce il libro di carta.

Di certo questa iniziativa messa in atto dalla casa editrice non mancherà di soddisfare gli alunni che potranno avere finalmente l’opportunità di potersi muovere senza mettere a repentaglio il proprio organismo a causa del grande sforzo necessario allo spostamento dei pesanti zaini scolastici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>