Ebook a scuola: progetto fattibile?

di Valentina Cervelli Commenta

Spread the love

Ebook a scuola? Spesso se ne parla in maniera distratta e quasi scherzosa, ma un loro utilizzo al posto dei normali libri di testo sarebbe tutt’altro che da rigettare. E per almeno un paio di motivi molto seri.

Scopriamoli insieme, tentando di scoprire se l’attuale mercato possa permettersi uno sviluppo di questo genere, sia per ciò che riguarda l’aspetto tecnico che economico.

Il libro elettronico, a prescindere dalla sua programmazione o formato, è senza dubbio un oggetto di grande comodità. Inutile negare che 1000 pagine elettroniche pesano di meno ed occupano meno spazio di 1000 pagine cartacee. Avete presente gli zaini dei bambini di oggi? Pesano più di loro, con conseguenze spiacevoli soprattutto a livello fisico per gli stessi: mal di schiena, scoliosi.

Inoltre,  forse anche grazie alla tecnologia sempre più imperante nelle nostre vite, i giovani di adesso sembrano davvero poco inclini ad utilizzare libri ed enciclopedie per effettuare le proprie ricerche quando con un clic, grazie ad Internet, hanno a portata di mano secoli di sapienza. Per ciò che riguarda i libri di testo la situazione non differisce di molto: l’utilizzo di ebook al posto dei libri tradizionali porterebbe ad un maggiore coinvolgimento degli studenti nelle materie da seguire perché seguirebbe la loro normale inclinazione a livello psicologico-attitiudinale. Non solo, anche  i costi dei libri ne uscirebbero fortemente dimezzati.

Sebbene vi siano tante motivazioni a favore di una scelta del genere, non bisogna  però dimenticare i contro di una eventuale decisione. Prima di tutto il costo del supporto: o si inventa un lettore in grado di visionare anche i colori delle immagini a basso prezzo, o si rischia di non dare a tutti uguale approccio allo studio. Questo perché alcuni soggetti potrebbero permettersi un lettore adatto, altri no.

Non va poi dimenticato il problema della stanchezza oculare: a lungo andare gli occhi delle persone costrette a studiare sui libri elettronici si affaticherebbero sicuramente. Quale sarebbe la giusta via da seguire? Cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>