La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico: il nuovo libro di Parazzoli

La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico libro Parazzoli

“La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico” di Ferruccio Parazzoli contiene due storie di grande suggestione e finezza, tra memoria e invenzione.

In questo suo nuovo libro, Ferruccio Parazzoli, scrittore tra i più importanti della nostra letteratura, si muove fra reale e irreale, tanto che il racconto dei personaggi si dipana tra realtà ed immaginazione.

Il volume fa parte de “Il Bosco degli Scrittori”, progetto editoriale di Aboca che racconta storie di vita a partire da un albero, facendo scoprire valori e tesori del bosco e della natura e spunti di riflessione sul rapporto tra uomo e ambiente.

Il primo racconto di Ferruccio Parazzoli narra la vicenda di un ragazzo, uscito dal quinto anno di liceo, che si è improvvisato cameriere per una stagione. Una decisione affrettata per uno come lui che, un giorno, se ne va all’improvviso per inoltrarsi tra i boschi liguri. Non aveva mai passato una notte sotto un albero ma si sentiva pronto a farlo.

Dopo essere entrato nella pineta, viene però sorpreso da uno zoppo, che tutti chiamano “lo Zio”, che gli intima di non fermarsi lì e lo conduce dal Cacciatore, un uomo carico di malinconia, che gli racconterà la leggenda della Maciucia e del Grande Pino.

Il Cacciatore era un “uomo alto, asciutto, i capelli già in parte bianchi, la faccia pareva invece ancora giovane per via degli occhi uno verde e uno grigio, stretti e umidi”. Faceva la guardia ad un grande pino, stava seduto in cima, da dove avrebbe difeso il pino nel caso in cui volessero abbatterlo. Sembra ci sia riuscito.

Alla fine della storia Ferruccio Parazzoli scrive: “Questo racconto, così come lo narro oggi, non è di certo così come lo avrei narrato allora, all’età di diciotto anni, quando l’ho vissuto. Ma chi salisse alla Costa Serba, tra un intrico di eriche e di corbezzoli, troverà ancora, sulla cima, un unico grande pino”.

Il secondo racconto, sempre nello stesso volume, prende le mosse dalla voce tenera e appassionata di Olga, decisa a fare di tutto pur di non lasciare che il grande fico con cui lei è cresciuta, e che ora intralcia i lavori di ristrutturazione del suo padrone di casa, venga abbattuto.

Lui, compagno fedele e silente, attento ascoltatore delle storie che Olga gli racconta ogni giorno, le storie che giravano sui ballatoi, ma anche quella della propria famiglia di ebrei poveri, nel tentativo quotidiano di superare un dolore che le resterà attaccato tutta la vita.

Con il fico Olga ci parla, anzi immagina una conversazione con l’albero, gli racconta diverse storie di persone che conosce, chiede come si sente e gli fa notare che il prurito che il fico sente “sono i primi fichi”, che si stanno “gonfiando e maturando”.

“Non è una cosa che capita tutti i giorni – dice Olga – che un fico sterile faccia improvvisamente fichi in non più di dodici ore”.

Il fico risponde: “Sono solo una pianta che il buon Dio, così come gli è piaciuto fare, ha messo al servizio di voi uomini, che conoscete sia il bene che il male e se gli uomini giudicheranno un bene che io venga tagliato, non potrò protestare. Di miracoli di fichi o di altra natura io non so niente”.

Anche in questa storia l’albero, in questo caso il fico, non verrà tagliato ma continuerà a crescere “prolifico in un cortile di Lambrate” dove la storia di Olga è ambientata.

Nel libro “La colomba sul pino e la vecchia sotto il fico” (ed. Aboca, euro 14,00) i due racconti sospesi nel tempo sono accomunati dal fatto che in ciascuno si celebra il potere salvifico delle storie, dove la verità non è sempre vera e la realtà può essere diversa dal reale. Del resto, come dice Olga: “ogni storia è bella da raccontare, quando tutto è passato. Resta il mistero, come la vita è un mistero. Sono belli i misteri…”.

Ferruccio Parazzoli ha lavorato a lungo nell’editoria. È autore di numerosi romanzi tra cui Il giro del mondo (Bompiani 1977, Premio Campiello), Uccelli del paradiso (Mondadori 1982, Premio Campiello), Il giardino delle rose (Rizzoli 1985, cinquina Premio Strega), Nessuno muore (Mondadori 2001), Trilogia di piazzale Loreto (Oscar Mondadori 2011), Amici per paura (SEM 2017), Il Grande Peccatore (Bompiani 2019). Ha scritto anche saggi e racconti.

Il mio disastro sei tu, la copertina è scelta dai lettori

Copertina GarzantiPer tutti i lettori che scelgono il libro guardando la copertina, la casa editrice Garzanti lancia un concorso in occasione dell’uscita del romanzo Il mio disastro sei tu, sequel del romanzo Uno splendido disastro, scritto da Jamie Mcguire.

Leconte Storie: i nuovi servizi della casa editrice

La casa editrice Leconte Storie sta crescendo ampliando i propri servizi e aumentando l’offerta dedicata a tutti coloro che si appassionano alla letteratura italiana e internazionale e che, magari, sognano anche di farne parte nel settore del giornalismo, della scrittura o della traduzione.

Ebook: Venexia lancia nuova collana per esordienti

ebook venexia collana esordienti

La cosa più difficile da fare per uno scrittore esordiente è ovviamente quella di farsi pubblicare. L’ebook, come formato, da un certo punto di vista porta le case editrici a dare maggiori spazi. Come ha fatto la casa editrice Venexia, che apre la strada ai nuovi scrittori che abbiano la passione per il genere fantasy.

Lite Editions lancia nuova collana: la @Dico Erotique

Lite edition nuova collana @dico erotique

Se amate i libri erotici dovete assolutamente dare uno sguardo alla nuova collana di ebook della Lite-editions, editore specializzato in questo genere. Ha infatti lanciato da poco la @Dico Erotique, che raccoglie circa 70 storie brevi scritti da autori italiani e stranieri.

Apple, “sciolto”il cartello sugli ebook

apple sciolto cartello ebook

La questione “cartello ebook” in auge in Europa con Apple e ad alcune tra le più importanti case editrici europee coinvolte è finita. Qualche giorno fa infatti la Commissione Europea ha accettato la proposta di Cupertino e dei suoi editori “collegati”. Accogliendo specifiche proposte delle parti in causa, l’Europa non ha mancato però di segnare il confine su ciò che entro i confini dell’eurozona è ritenuto accettabile in quanto a concorrenza e prezzi.

Natale 2012: stringhe d’autore e iPanni, Marcos y Marcos

Sono originali e sicuramente saranno anche molto apprezzate le idee regalo pensate dalla casa editrice Marcos y Marcos, due oggetti originali da regalare agli amici e ai parentidi tutte le età appassionati di letteratura italiana e internazionale.

Case editrici e social network: i motivi per diventare Fan!

Prima che i social network approdassero on line avevamo un’idea molto diversa delle case editrici: ce le immaginavamo polverose e colmo di libri abitate da uomini calvi e sapienti e donne occhialute pronte a cestinare romanzi e saggi scritti da autori senza speranza. Nell’immaginario comune le case editrici avevano l’aspetto di luoghi irraggiungibili, sacre cattedrali delle parole con le quali per anni abbiamo intrattenuto una comunicazione unilaterale che ha il visto il libro come unico strumento e mezzo. Per fortuna oggi le cose sono nettamente migliorate…

Cala ancora il mercato del libro: -7,6% ad ottobre

cala mercato libro ottobre

Cala ancora il mercato del libro, seppur con qualche guizzo di ripresa. Nel solo ottobre del 2012, secondo le ultime rilevazioni Nielsen, le compravendite sono scese del 7,6% facendo segnare un altro primato negativo al settore. La colpa? Sicuramente la crisi ed il suo attanagliare le tasche degli italiani.

Robin Editori cerca scrittrici di storie lesbo

robin editori cerca scrittrici storie lesbo

Se siete interessati alla letteratura lesbica abbiamo per voi una buona notizia. La Robin Edizioni lancia infatti la sua prima collana di narrativa esclusivamente digitale “QL2” dedicata solamente a testi inediti di questa particolare nicchia della narrativa. E per farlo cerca nuove scrittrici alle quali verrà offerto un contratto regolare di edizione elettronica e non verranno richiesti contributi per la pubblicazioni.