Umberto Eco, uno scrittore non per tutti

di Barbara Commenta

Per la serie “fu vera gloria?“, dopo Giorgio Faletti, Paul Auster e Philip Roth eccomi a parlare di Umberto Eco. Il grande, incontestabilmente acuto e intelligentissimo Eco. Che come scrittore, però, divide l’opinione pubblica come pochi.

Il fatto è che non tutti i lettori amano ammettere di non aver compreso o amato fino in fondo i suoi romanzi. Noto a volte una certa titubanza in chi mi dice “sai, ho comprato l’ultimo libro di Eco, peròòò”. Sembra quasi che ammettere di non amare Eco significhi ammettere pubblicamente di non essere troppo intelligenti (parlo qui dei miei amici e della mia personalissima esperienza).


La prima volta che ho sentito parlare di lui, sarà successo così anche a molti, è stata in occasione del film Il nome della rosa, tratto dal suo più celebre romanzo. Davo per scontato che il romanzo fosse migliore del film, ma non trovavo il coraggio di leggerlo perché tutti me lo raccontavano pieno di citazioni e di capitoli complicati.

Sono passati così diversi anni prima che io mi accingessi a leggere un testo di Eco e precisamente Il pendolo di Foucault. Che dire. Non si lascia mai un libro di Eco senza saperne di più sul mondo, di storia, di filosofia. Verrebbe voglia, mentre si legge, di prendere appunti, per tornare un giorno ad approfondire argomenti che ci affascinano e ci incuriosiscono.

Ecco, viene voglia di prendere appunti, come durante una lezione all’università ed è questo l’ostacolo principale in cui si imbattono molti lettori. Pensano di aver cominciato a leggere un romanzo, ma scoprono di essere alle prese con un saggio. Così, prima o poi, abbandonano tristemente il tomo.

Sono diverse settimane, ormai, che osservo Il cimitero di Praga, che attende con calma nella mia libreria. Me lo ha prestato un mio amico, un’altro di quelli che lo ha lasciato a metà. Chissà che non sia arrivato il momento, come è successo con Patrimonio di Roth, di fare pace con questo scrittore.

In attesa di cominciare a sfogliarlo, chiedo a voi lettori di Libri e Bit: vi piace Umberto Eco? Quale dei suoi romanzi avete amato di più?

Photo Credits | Erinc Salor su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>