Il professore, di Charlotte Bronte: recensione

di Valentina Cervelli Commenta

Va detto immediatamente: non è così scontato amare “Il professore” anche se si amano alla follia Charlotte Bronte e la sua Jane Eyre. Questo perché in qualche modo ed a prescindere dalla data di pubblicazione, ad uscire fuori è l’anima più “rompiscatole” dell’autrice.

Intendiamoci, da questa parte dello schermo c’è un amore per la suddetta istitutrice romantica dell’800 che varca davvero ogni confine, sia in edizione normale che completa. E per quanto affetto vi sia per lo stile di scrittura e la sagacia della scrittrice in Jane Eyre, passa quasi mezzo romanzo prima che si smetta di offendere mentalmente Charlotte Bronte chiedendosi se abbia scritto questo libro con i piedi. Non si mette in dubbio che la pubblicazione postuma possa avere a che fare qualcosa con tutto ciò, ma non si riesce a non rimanere inizialmente delusi quando si inizia a leggere “Il Professore” proprio perché si sa quanto questa autrice romantica sia stata in grado di fare bene.

In questo caso il protagonista è maschile, ma ciò non toglie al lettore l’opportunità di comprendere quanto di Charlotte Bronte e del suo modo di pensare vi sia anche all’interno dell’integerrimo e giovane Sig. Crimsworth. Bisogna semplicemente avere pazienza, e non essere dei cattolici che si offendono facilmente. L’autrice infatti non fa assolutamente mistero del suo pensiero per la categoria.  Tralasciando ciò, e superata la prima metà del libro si cominciano man mano a ritrovare la scrittura piacevole della Bronte e la lettura scorre tranquilla fino alla fine dove quasi si vorrebbe, poi, qualche pagina di più.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>