Lady Susan, di Jane Austen: recensione

di Valentina Cervelli Commenta

Alla fine ce l’ho fatta: ho letto “Lady Susan” un libro di Jane Austen. Inutile dire però che la scelta è stata fortemente condizionata da due fattori: il primo per la curiosità scatenata dal titolo, il quale mi ricordava la protagonista di un romanzo di Stephen King, e il secondo e più importante, la tipologia di opera.

Correggetemi se sbaglio data la mia scarsa conoscenza dell’autrice, ma Lady Susan può essere considerato un romanzo “sperimentale” della scrittrice. Un piccolo gioiellino di cattiveria e stile a mio parere che non deve essere sottovalutato assolutamente. Un romanzo epistolare, altro fattore che a me piace in generale e che rende dannatamente bene. E se a questo aggiungiamo un personaggio decisamente fuori le righe non solo ai tempi della storia ma anche ai nostri, posso dire senza ombra di dubbio di avere fatto tombola e di aver cementato il mio interesse per una scrittrice che per anni ho tenuto fortemente lontana dai miei desideri di lettura.

Anticiparvi grandi passi della storia sarebbe crudele: per quanto epistolare ed un tantino “ostico” per molti da questo punto di vista, questo libro per essere assaporato deve essere gustato in ogni particolare. Quello che posso anticiparvi è che Lady Susan è tutt’altro che una donna dai sani valori e che alla fine, in qualche modo, una sorta di lieto fine si può sempre trovare. Almeno per quei personaggi che dannatamente buoni, rischiano inizialmente di rimanere schiacciati da ego spropositati e caratteri davvero pessimi. Diciamo che se vi anticipo che Lady Susan ha una figlia che poverina è il suo opposto, forse capirete meglio. In parte.

Insomma, è un’opera che mi sento di consigliare  a cuore aperto, e che mi porta ad una riflessione avendo una conoscenza accademica della biografia dell’autrice. E’ un vero peccato che le sue carte sono state bruciate dalla sorella alla sua morte. Avrebbero potuto spiegare non solo la sua particolare esistenza, ma anche il filo conduttore delle sue opere e dei suoi personaggi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>