Che fine ha fatto Blockade Billy di Stephen King?

di Valentina Cervelli Commenta

Spulciando con attenzione l’elenco delle opere di Stephen King abbiamo scoperto, a malincuore, un piccolo desaparecidos  che qui nel nostro paese non è mai giunto.  Parliamo ovviamente di “Blockade Billy“. Una storia breve, ma non troppo che qui in Italia non ha trovato pubblicazione. La domanda è: perchè?

Purtroppo per voi ( e per chi vi scrive)? Una risposta non l’abbiamo davvero. Passino alcune storie pubblicate all’interno di riviste (la maggior parte hanno sempre trovato la via della raccolta per giungere a noi, ma che un libro di 110 pagine non trovi spazio all’intero dell’editoria italiana è davvero un mistero. Se si conosce la lingua inglese non è troppo difficile porre rimedio al problema. Ma per chi non ha dimestichezza con l’inglese?  Domande che rimarranno senza risposta se continuiamo in questo modo.  Blockade Billy è una storia ambientata negli anni ’50, quasi del tutto priva di elementi soprannaturali. Fa parte di quelle storie di Stephen King che si focalizzano più sul genere giallo e su specifici contesti. In questo caso il vero protagonista si può dire che sia lo sport del baseball con tutte le sue contraddizioni.

Personalmente ancora non l’ho letto, ma conto di acquistarne l’ebook appena smaltita qualche recensione per voi lettori. Quel che mi lascia perplessa, ad onor del vero, è questa mancata pubblicazione perpetua, in confronto alle cinque edizioni differenti uscite in nemmeno tre anni negli Stati Uniti.  Logica di mercato? O semplicemente le case editrici non si sono rese conto dell’esistenza di questo volume? Strano, visto che ai tempi della sua uscita tutti ne parlarono.  Per voi la sinossi:

William “Blockade Billy” Blakely avrebbe potuto essere il più grande ricevitore che il baseball avesse mai avuto… Ma nessuno, oggi, ricorda nemmeno più il suo nome, il solo e unico a essere del tutto cancellato dagli annali e dalle cronache dello sport americano. Non certo, però, a causa di un semplice scandalo o questione di doping: il segreto di Blockade Billy nasconde in realtà qualcosa di molto, molto più sinistro, tanto che persino la sua squadra non è adesso che una nota a margine dimenticata fra le più oscure pagine dello sport statunitense.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>