Cronache Golose, il nuovo libri di Slow Food Editore

Spread the love

Cucina e vita personale, racconti biografici che si michiano ai sapori e agli aromi delle vivande preparate nelle cucine professionali dei grandi chef. Tutto questo, e molto altro, è racchiuso nel nuovo libro pubblicato da Slow Food Editore, un volume interessante e prezioso per tutti coloro che sono appassionati di cucina.

Com’è tipico del gruppo, anche questo libro sarà legato alla passione per il territorio e per le prelibatezze gastronomiche, un legame indissolubile che cerca di essere raccontato e rivisto in ogni pagina e in ogni narrazione culinaria e personale.

Autori del libro Marco Bolasco, direttore di Slow Food Editore, e Marco Trabucco, entrambi legati dalla passione per la cucina italiana, la cultura gastronomica e le personalità dei cuochi che compongono il libro:

Il volume, moderato dal giornalista Andrea Vianello, ripercorre e rivive i profili dei grandi cuochi italiani e dei locali più famosi del nostro Paese facendo un salto tra presente e passato raccogliendo le testimonianze di chi ha portato alto il nome della tradizione italiana come Alberto Ciarla, famoso per aver introdotto in pesce crudo nel suo ristorante romano:

I miei genitori avevano una trattoria e io posso dire di essere nato in cucina, e poi, essendo appassionato di pesca, il passaggio dalla tradizione culinaria romana alle specialita’ di pesce e’ stato automatico. Ho conosciuto il crudo in Peru’ negli anni ¹80 e l¹ho adattato ai nostri gusti. Non ho inventato nulla, ho rischiato.

Tra gli altri cuochi inseriti in questo florilegio di storie e fornelli si citano anche Heinz Beck e Antonio Sciullo: due chef ugualmente importanti sebbene di origini diverse. Il primo, bavarese di origine, è uno dei cuochi più interessanti del panorama culinario e simbolo di cucina creativa ma comunque territoriale; mentre il secondo, è diventato famoso a tutti i palati grazie alle sue ricette popolari, riadattamenti culinari di sapori che le nostre nonne portavano in tavola ogni giorno.

Lascia un commento