Presentazione “Nuvole di drago e granelli di cous cous”

di Giada Aramu Commenta

Sfogliando “Nuvole di drago e granelli di cous cous” vi verrà un’insana voglia di fare la valigia e attraversare il mondo con una sola e fedele compagna: la vostra golosità.  L’autore del libro è Vittorio Castellani, alias Chef Kumalè, che ha pubblicato con la casa editrice Vallardi un libro davvero interessante, a metà tra una guida per il turismo gastronomico e un manuale di cucina. Il libro è incredibilmente denso di gusti e aromi di tutto il mondo dando un assaggio di ciò che offre la cucina internazionale: non sono però tutte chiacchere, nel libro sono incluse ben 200 ricette provenienti da diversi paesi. Piatti esotici, sapori di ogni continente e piacevoli narrazioni e curiosità: questo libro sembra essere adatto a tutti coloro che adorano viaggiare e che magari, durante un soggiorno all’estero, hanno scoperto un piatto che da tempo desiderano riproporre nella propria cucina.

Nuvole di drago e granelli di cous cous permette a tutti di creare in cucina i piatti della tradizione esotica senza impazzire tra gli scaffali dei supermercati: gli ingredienti inseriti nelle ricette sono facilmente reperibili grazie anche a un’ottima distribuzione che fa sì che tutti possano trovare spezie, frutti e prodotti agricoli di origini e tradizioni diverse. Nel testo, oltre alle ricette, sarà possibile trovare un glossario e una lista dei punti vendita consigliati dall’autore dove tutti i cuochi casalinghi potranno trovare i prodotti da inserire nel proprio carrello e nel proprio piatto.

Prima di lasciarvi, ecco la gustosa sinossi del testo:

“Da tempo meditavo di scrivere il mio ricettario di viaggio, un ‘luogo’ dove trascrivere e riversare una selezione di semplici ricette, scelte tra quelle provate e raccolte negli ultimi vent’anni di viaggi nei 5 continenti, ma anche a Torino, la città in cui vivo. E ora finalmente eccolo qui, tra le vostre mani. Sfogliando e cucinando le 200 ricette di questo libro inizierete anche voi un lungo viaggio intorno al mondo, anche se non siete né cuochi né chef. Meglio così, basta essere curiosi, perché la cucina è cosa di tutti. Cucinate per voi o per i vostri amici, ma sempre con passione, la più importante fra tutte le spezie!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>