Worth fighting for, di Lisa Niemi Swayze

di Valentina Cervelli Commenta

Un libro che scava nel cuore. E che lascia il segno. Probabilmente è il destino di ogni biografia, di ogni libro che racconta fatti realmente accaduti, ma Worth fighting for, non edito in Italia e scritto da Lisa Niemi Swayze, vale tutta la fatica che si può spendere per ottenerlo. Grazie all’avvento degli ebook, raggiungerne l’acquisto è decisamente più semplice. E perdersi nel mondo in esso raccontato è ancora più facile. E non solo perchè l’autrice è la vedova del compianto Patrick Swayze.

Per me questa lettura ha avuto un sapore del tutto particolare: parliamo del mio attore preferito di tutti i tempi. Un personaggio da me così tanto apprezzato che nel rivederlo riesco a commuovermi anche per film allegri come Dirty Dancing o A wong fu, Grazie di tutto Julie Newmar. Ma la bellezza di questo libro non è risieduta solo nel fatto che parlava di lui, ma di come veniva affrontato il tutto<. las vita, la malattia, i problemi e le giore. Si, vi erano anche dei momenti felici. Vi sono stati, nonostante le difficoltà, fino a due settimane dalla morte dell’attore.

E Lisa Niemi Swayze ne parla in modo sincero, pulito, come qualsiasi di noi farebbe scrivendo della malattia del proprio caro. Indugiando in  piccoli particolari che ci fanno capire come davanti alla vita, siamo tutti uguali. E di come, davanti alla morte, tale assunto diventi ancora più vero. Questo libro è consigliabile non solo ai malati che cercano di approcciarsi alla loro malattia ed hanno bisogno di qualcuno che condivida le loro sensazioni, ma deve essere letto soprattutto da chi ha un proprio caro ammalato: l’immedesimazione sarà istantanea.

Worth fighting for è il diario di una coppia normale, alle prese con un brutto male ed alla necessità derivante da esso di tentare il tutto per tutto, e di vivere appieno la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>