The Waste Land: Faber lancia l’App, il video

di isayblog4 Commenta

Vi avevamo già annunciato l’arrivo di una nuova App dedicata al poema The Waste Land, l’opera più conosciuta di T.S. Eliot che, grazie a intenso lavoro di editing, è servita come base di lavoro per un progetto davvero ambizioso, una piattaforma virtuale interattiva ideata per coinvolgere gli studenti nell’analisi completa dell’opera letta e affrontata da un punto di vista tutto nuovo. L’applicazione è stata ideata da Faber e Touch Press che hanno scelto di sfruttare le nuove tecnologie per reinterpretare un’opera antica resa forse più appetibile e stimolante per gli studenti e i lettori di nuova generazione. La App di The Waste Land, dopo tanta attesa, è stata finalmente svelata al pubblico in un video che abbiamo reperito e che vi pubblichiamo a fine articolo.

Nel video di presentazione il responsabile della Faber Digital, Henry Volans, spiega ai lettori che l’idea di una App dedicata a The Waste Land è stata concepita per dare un  nuovo valore alla letteratura e alla poesia combinando le nuove tecnologie con la bellezza di un poema tradizionale. La forza delle nuove tecnologie, secondo i creatori della App, è proprio questa: coniugare uno strumento nuovo e nuovi strumenti per reinventare un prodotto culturale che, proprio grazie alle nuove tecnologie, godrà di una maggiore diffusione e un maggiore interesse. Il video analizza poi gli aspetti pratici e più tecnici della App: aprendo l’applicazione si accede al poema integrale che potrà essere sfogliato attraverso una barra laterale che permette di accedere al verso che ci interessa e ascoltare il poema letto dallo stesso T.S. Eliot grazie a una registrazione del 1947, o dalla voce di famosi critici letterari.

Il prodotto, presentato dai rappresentanti Faber e Touch Press, ha reso orgogliosi tutti i designer che hanno lavorato al progetto collocandosi tra i primi materiali ibridi creati grazie alla fusione tra materiali letterari e nuove tecnologie, una nuova frontiera competitiva di qualità e di buone prospettive future.

Guardate qui il link del video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>