Il mio scrittore preferito

di Barbara Commenta


Vi ricordate i tempi del liceo? Quelli in cui sentiamo che la nostra vita ha un senso solo se sappiamo definire chiaramente qual è il nostro cantante preferito, la nostra migliore amica, il libro preferito, lo scrittore preferito? Siamo lì a stilare classifiche e a confrontarci con i nostri coetanei. Ci sembra quasi che una persona che non sia in grado di elencare in modo puntuale le proprie preferenze sia un essere umano privo di personalità.

Ai miei tempi, amavo appassionatamente Albert Camus. Mi riconoscevo soprattutto ne Lo straniero, che certo non contribuiva a sollevare il mio tipico umore da adolescente tormentata. Successivamente, nella prima giovinezza, presi una sbandata per Daniel Pennac e per la saga della famiglia Malaussène, che alle brutture della vita sapeva guardare con un sano senso dell’umorismo (e scriveva e scrive meravigliosamente bene).

Passato qualche anno, quando non ho dovuto più rendere conto ad alcuno dei miei gusti letterari, ho cominciato a diversificare molto le mie letture. Ho trovato autori che mi hanno entusiasmata e che tutt’ora amo moltissimo, come Singer, Munro, Paley, Todorov, Le Guin, Conrad. Non mi sono più soffermata però su di un singolo autore.

Forse perché l’età adulta è il tempo della complessità e delle sfumature, quella in cui comprendi che non puoi più dividere il mondo a metà, come la lavagna con i buoni e con i cattivi. E’ un età in cui il lettore comprende che leggere molti autori non significa tradire l’unico e solo che ci ha accompagnato nei momenti difficili, ma avere il privilegio di entrare in contatto con una parte di umanità che altrimenti resterebbe sconosciuta.

Infine, in qualche modo, l’età adulta è quella, per chi ama crescere e pensare, in cui non hai più bisogno di conferme e cerchi invece le smentite. Un pensiero altro e diverso, uno sguardo, anche su te stesso, che non ripete all’infinito le solite consolidate verità, ma ti traghetta in mare aperto, per segnare nuovi orizzonti.

Photo Credits | VBC17 su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>