Stephen King, quasi pronto “Dr. Sleep”, sequel di Shining

di Valentina Cervelli Commenta

In pochi ci credevano, nonostante Stephen King avesse accennato qualcosa al riguardo nel 2009, eppure il “sequel” di Shining, una delle sue opere più famose ed apprezzate, ci sarà.  Ne ha dato conferma lui stesso, leggendone un breve estratto qualche giorno fa presso la George Mason University, partecipando ad una fiera di libri. Il suo nome? “Dr. Sleep”.

La scelta di un titolo di questo genere è molto semplice. Protagonista di questo libro sarà infatti Danny Torrance,  il bambino prodigio capace di tenerci sulle spine per molte pagine nella famosa opera del Re. Non avremo a che fare con un bambino però. Danny sarà infatti un quarantenne impiegato in una casa di riposo per anziani. Sulla location della storia mancano ancora delle certezze, si tratta più che altro di voci di corridoio.

Al contrario di un particolare ben preciso: l’uomo si occuperà di aiutare in parte i malati nel momento del loro trapasso grazie ai suoi poteri, ed in tale contesto vi sarà l’arrivo di un gruppo di vampiri davvero particolari, chiamati a succhiare non il sangue, bensì capacità psichiche. Questo porta in qualche modo a pensare ai frangitori di vettori della Torre Nera, ma come detto, vi è ancora molto da scoprire per ciò che riguarda l’opera.

Molte persone potranno forse trovare questa mossa di Stephen King un azzardo. Io al contrario adoro il ripresentarsi ricorrente dei personaggi o delle storie, come se fosse tutto un grande puzzle di una verità più grande. Perché riesce a dare al singolo intreccio una dimensione più ampia, come se il tutto facesse parte di un grande disegno.

E va ammesso che queste cose solitamente a Re Stefano vengono bene. Soprattutto perché in questo caso non si può parlare di sequel vero e proprio come abbiamo fatto per La casa del Buio: qui si tratta semplicemente di ritrovare un vecchio amico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>