“Quale è il segreto di papà?”: il libro di Francesca Pardi e Desideria Guicciardini

Spread the love

La letteratura gay è ampia e variegata. Si passa dalla storia di sesso, a quella d’amore fino ad arrivare a quelle di avventura e gialli contaminati in parte dalla tematica. E poi vi è quella che insegna, quella rivolta ai bambini. Quella branca della letteratura considerata omosessuale, che tenta di far capire alla gente che il pregiudizio è un male per tutti. “Quale è il segreto di papà” di Francesca Pardi e Desideria Guicciardini rientra in quest’ultimo gruppo.

Io non ho mai settato un ambiente o delle persone, o ancora delle opere letterarie in “etero o omosessuali”. Ma capisco che per far comprendere le cose alle persone vi sia la necessità di dividere in categoria i compendi con i quali le stesse si trovano a doversi rapportare. Quello dell’adozione da parte delle persone omosessuali di figli, o della loro capacità di crescere gli stessi,  è uno degli argomenti più spinosi mai dibattuti, soprattutto in Italia.

Perché si parla di “accettazione” per una cosa essenzialmente naturale. Questo libro, davvero particolare e molto semplice al quale approcciarsi, affronta la tematica con semplicità ed il giusto occhio critico. L’opera, pubblicata dalla casa editriceLo Stampatello” punta infatti a far capire ai bambini (ma è decisamente di aiuto anche per alcune fasce di adulti, n.d.r.)come possano esistere nella società differenti tipologia di famiglia e come le stesse ugualmente posseggano la stessa dignità.

A parlare, nel libro, sono Giulia e Carlo. Si tratta di due bambini rispettivamente di sei e nove anni, figli di una coppia separata, i quali scoprono che il loro papà ama un altro uomo, Luca. Il tutto visto con gli occhi dei bambini, spesso più liberi da pregiudizi e prigioni mentali rispetto agli adulti. Si tratta di un volume appartenente ad uno specifico filone pensato per i bambini ed al modo migliore di far capire loro i diversi tipi di famiglia “disponibili” nella società.

Un libro con i fiocchi, da regalare anche in occasione di queste feste.

Lascia un commento