Arthur Conan Doyle: presto pubblicato il suo primo romanzo

Spread the love

Dopo la notizia della vendita di un inedito della scrittrice inglese Jane Austen ora un nuovo romanzo potrebbe vedere finalmente la luce del sole e i primi scaffali delle librerie di tutto il mondo. E’ stata annunciata ieri da alcuni quotidiani inglesi che il primo romanzo scritto da Sir Arthur Conan Doyle, The Narrative of John Smith, verrà presto pubblicato per la prima volta.

Il libro era stato scritto dall’autore tra il 1883 e 1884 ma non venne mai proposto per la pubblicazione né venne davvero preso in considerazione dagli editori del tempo; uno scritto che ancora oggi spesso viene dimenticato e non inserito nell’elenco della bibliografia, edita e inedita, dell’autore. Il libro, secondo alcuni studiosi, venne inviato tramite posta dall’autore ad alcuni editori inglesi ma il manoscritto venne perso e l’autore dovette ricostruirlo facendo solo affidamento a qualche confuso ricordo, una stesura che non lo convinse e che, per questo motivo, venne presto abbandonata. The Narrative of John Smith narra le riflessioni e le giornate di un uomo che, affetto da gotta, si ritrova confinato in una stanza malato e abbandonato a se stesso, una condizione che lo spinge ad affrontare la vita passata e ad interrogarsi sul valore della vita umana.

La pubblicazione dell’opera verrà analizzata da Rachel Foss, curatrice della sezione manoscritti della British Library che si occuperà della pubblicazione il prossimo autunno. La stessa British Library aveva già assunto l’importante incarico di curare la collezione delle opere di Conan Doyle, un lavoro duro iniziato nel 2007.

La storia non ha guadagnato giudizi molto positivi dalla critica ma la British Library ha comunicato alla stampa di credere molto nel progetto e di essere decisa ad analizzare il manoscritto incompleto dell’autore, un materiale che potrebbe essere rivisitato e adattato per venire pubblicato in seguito come storia breve o racconto, una forma narrativa che l’autore ha dimostrato di dominare magistralmente.

[Photo Credits britannica]

Lascia un commento