Libri: il mestiere dello scrittore è davvero in pericolo?

di Valentina Cervelli Commenta

E’ strano, ma ultimamente basta leggere qualsiasi articolo su letteratura e cultura per scoprire che la più grande preoccupazione di tutti è l’ipotetica scomparsa del mestiere dello scrittore. La prima reazione, non neghiamolo, è quella di strabuzzare gli occhi e pensare: “ma stanno tutti bene”? Come è possibile pensare una cosa del genere? Ad essere messo sotto accusa è l’ebook, per i suoi nuovi canali di vendita e le diverse tipologie di approccio alla sua pubblicazione.

Se non si tratta di una idea assurda questa, c’è da chiedersi dove il mercato stia davvero andando a finire. E soprattutto prima di colpevolizzare il libro elettronico sarebbe il caso, ancora una volta, che le case editrici si ponessero qualche domanda ed analizzassero la propria “coscienza”. Specialmente nel caso in cui ritengano che il problema siano le vendite. Insomma, gli ebook debbono essere scritti prima di essere messo in commercio.  Quindi dire che la carriera dello scrittore sparirà è assurdo. Ad un certo punto arriverà la morte anche per i vecchi autori, e saranno quindi le nuove leve a fare il bello ed il cattivo tempo del mercato.

Forse potrebbe sparire la concezione che si ha di questo mestiere. Ma anche in questo caso, non prendiamoci in giro, non vi sarebbe crisi nel mercato, ne problemi di diritti se i prezzi fossero in linea con le necessità del lettore.  Se questi ultimi salgono indiscriminatamente, come si pensa che il consumatore possa affrontare la spesa di quello che ormai è divenuto un bene di lusso?

E poi dicono che la legge Levi sugli sconti è stata messa a punto per salvaguardare i diritti del lettore. Piuttosto quelli delle major del libro! Che sono si ha rischio, ma semplicemente perché chi vende ( e non distribuisce gratuitamente ebook) i libri elettronici ha capito che deve puntare sulla convenienza: salvaguardando quella del lettore, ci si aggiudica infatti anche un maggior profitto. La narrativa e gli scrittori, non sono in pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>