La breve seconda vita di Bree Tanner, di Stephenie Meyer

di Valentina Cervelli 3

 Oggi per la gioia dei fan di Stephanie Meyer, affrontiamo la recensione del suo ultimo libro di narrativa in ordine cronologico: “La breve seconda vita di Bree Tanner”. Ricordate all’interno del libro e del film Eclipse quella giovane vampira spaventata che la famiglia Cullen tentava di salvare dalla vendetta dei Volturi? Si tratta proprio di lei e della sua breve esistenza come non morta in seguito al suo rapimento. Le connessioni con la saga principale di Twilight sono ovviamente presenti.

Nello stile e nella composizione, questo libro non differisce molto dagli altri della scrittrice. Non vi stupirà sapere, se ancora non era di vostra conoscenza, che quest’ultima storia avrebbe dovuto far parte del libro “glossario” dell’intera saga  da non molto uscito nelle librerie. L’autrice ha deciso di renderlo una creatura indipendente ed a sé stante quando ha visto che man mano l’opera aveva raggiunto le 200 pagine e renderla un semplice corollario l’avrebbe decisamente sminuita.

Sebbene molto simile agli altri libri della Meyer, si vede fin dalle prime pagine di questo racconto è figlio di una maggiore maturità della scrittrice. Il punto di vista della storia è sempre quello della protagonista femminile, ma non risente di quella classica sensazione di “vergine damigella in pericolo”  che permea l’intera saga quando si parla di Bella Swan. Dall’altra parte però, ci si rende conto dalla maniera nella quale l’autrice affronta l’intera storia che, nonostante l’affossamento momentaneo di Midnight Sun dove la storia è narrata dal punto di vista di Edward, la Meyer cova una voglia matta di tornare a parlare del clan dei Cullen e delle loro avventure.

Dovrebbe essere un dato positivo, ma si trasforma in una sorta di blocco che limita in qualche modo la storia stessa, lasciando il lettore con l’ansia di volerne sapere di più, di capire di più, stoppata dalla tragica fine che sappiamo Bree è destinata a fare.

Di buono c’è però è contemporaneamente, specialmente nelle battute finali il lettore ha modo di capire più approfonditamente il gioco di forza in regola la vita dei volturi.

Commenti (3)

  1. Non ne sentirò la mancanza. 🙂

  2. non riesco a capire il perche Alice e jasper lascino la casa l’ho letto in internet e mi riferisco ai personaggi di twilight

    1. ti riferisci alla storia di bree od a Breaking dawn?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>