Sfigabella e Vampirozzo, la parodia di Twilight

di Valentina Cervelli Commenta

sfigabella vampirozzo parodia twilightUna parodia davvero straordinaria, a partire dal titolo: “Sfigabella ed il Vampirozzo”. Avete sicuramente capito quale sia il libro di origine vero? Anche qui in Italia Twilight conquista la sua parodia ufficiale grazi al talento di Monica Di Battista, scrittrice ed appassionata della serie di vampiri che ha fatto commuovere ed innamorare milioni di fan in tutto il mondo.

Non si tratta di nulla di volgare o di estremamente “crudele” nei confronti della saga di Stephenie Meyer, che come abbiamo detto è fortemente amata dall’autrice, ma una rilettura ironica e più terrena degli eventi che si svolgono nel libro. Un lavoro simile a quello che la stessa Meyer ha iniziato a fare con Midnight Sun, solo che rispetto a quel progetto, Monica Di Battista da voce ai pensieri dei protagonisti dando loro modo di svelare il “sottotesto”, i pensieri più reconditi e divertenti sottointesi dalla storia.

 

Una rivisitazione della figura del vampiro ma al contempo un modo semplice e sereno di affrontare l’amore. Edward e Bella escono fuori da questo ritratto in modo assolutamente esilarante. Insomma, la famiglia Cullen all’interno della saga è praticamente perfetta sotto ogni aspetto e la gestione della normale vita non rappresenta problemi. Immaginate di essere nel subconscio del protagonisti e di poterlo sentir dire la sua nel corso degli eventi che caratterizzano Twilight.

Alla storia, resa divertente dalla parodia, si aggiungono le illustrazioni realizzate da Rossella Piccini, la quale è stata in grado di ricreare in modo davvero simpatico ed originale ogni personaggio coinvolto. E se ciò non bastasse ad attirare la vostra attenzione, sappiate che parte del ricavato della vendita verrà devoluto alla Fondazione P.U.P.I. di Xavier Zanetti, capitano dell’Inter, impegnata nell’aiutare i bambini ed i ragazzi meno fortunati del Sud America a studiare e ad avere una preziosa alternativa di vita, allontanandoli dalla delinquenza a cui purtroppo sarebbero destinati a causa delle pessime condizioni nelle quali languono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>