Jane Austen: alcune curiosità che pochi sanno

di isayblog4 Commenta

In occasione della nascita della scrittrice Jane Austen negli Stati Uniti è stato pubblicato un volume davvero interessante. Il suo titolo è Jane’s Austen Letters, è scritto da Deirdre Le Faye e al suo interno sono custodite nove curiosità sulla scrittrice che ben pochi, compresa me, conoscono. Per celebrare il suo compleanno, avvenuto solo ieri e più di due secoli fa, abbiamo scelto di pubblicare alcuni di questi interessanti segreti, paure e vizi che ci aiuteranno a svelare il lato più privato di una delle scrittrici più amate dalle donne di tutto il mondo.

1. Jane Austen era terrorizzata da fulmini e temporali. Durante le notti di pioggia preferiva chiudersi nella sua stanza, chiudere le finestre e i battenti e accendere qualche candela

2. Amava giocare a bilbocatch con i suoi nipoti. Il gioco, riadattato dal francese bibloquet, era formato da una palla di legno con un foro collegata a un filo e a un fuso. Lo scopo del gioco era di far entrare la palla nel fuso di legno centrando il foro che era stato realizzato al fondo. Il gioco è ancora oggi conosciuto in Italia con il nome francese originale

3. Amava arricciare i suoi capelli intrecciandoli a sé senza aver bisogno di alcun bigodino

4. Un giorno prese un brutto raffreddore e confidò al suo diario di essere felice di essersi ammalata. Quel giorno si presentarono infatti alcuni ospiti indesiderati che lei scelse di non ricevere a causa della sua salute

5. Non disegnava commenti poco gentili nei confronti delle altre dame che incontrava. Partecipava alle feste mondane impaziente di confidare al suo diario tutti gli eventi più importanti e divertenti delle serata di gala. Un giorno confidò di aver visto al ballo una ragazza buffa che chiamò: “Un bizzarro animale con un collo bianco”. Incontrò la stessa ragazza qualche anno scrivendo di aver finalmente notato che quel “strano animale” era cresciuto diventando un’adulta.

Photo Credits | golook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>