Benedetta Parodi e le sue ricette tornano in libreria il 7 ottobre

di Valentina Cervelli Commenta

 Aspiranti cuochi ecco per voi una buona notizia: il prossimo 7 ottobre uscirà in tutte le librerie, tradizionale non il nuovo libro si cucina di Benedetta Parodi, dal titolo “I menù di Benedetta”. Abbiamo imparato a conoscere la giornalista nella inedita professione di cuoca lo scorso anno con “Cotto e Mangiato”, programma culinario condotto da casa sua. Ora, con il trasloco a La7 arriva anche una nuova guida culinaria.

Ciò che non cambia, rispetto alla sua pregressa esperienza letteraria,  è il contenuto: all’interno della sua nuova opera infatti è possibile trovare ancora ricette facili e veloci che qualsiasi casalinga o persona che abbia necessità di cucinare ma soffre di una crisi di idee e di tempo , può mettere in atto senza difficoltà.

Il titolo del libro è preso in prestito dal suo nuovo programma televisivo, ma ciò non toglie che il volume illustrato di ricette di Benedetta Parodi sia ancora una volta l’idea giusta al momento giusto. Ben 200 ricette inedite, organizzate in specifici menù e molto semplici per ciò che riguarda direttamente l’esecuzione. Non bisogna dimenticare che quella di Benedetta è una formula consolidata: ingredienti semplici, piatti sfiziosi e facili da trovare per ricette estremamente veloci.

Una formula che le ha fatto archiviare dei veri e propri traguardi a livelli di vendita: i suoi precedenti libri sono considerati dei bestseller del settore. La particolarità di questo libro rispetto ai precedenti consta proprio nella suddivisione a menù, nata per coadiuvare il lettore nella scelta in base alle occasioni. Quante volte ci siamo messi a pianificare il menù giusto per una festività, un compleanno o addirittura una cena romantica? La scrittrice elimina il dilemma alla “radice” pensando direttamente lei alla suddivisione delle ricette a nostro uso e consumo.

Ovviamente anche in questo caso non mancheranno dei consigli interessanti, uniti a dei veri e propri trucchi del mestiere ed alcuni aneddoti personali della donna legati alle ricette.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>