Beautiful Creatures: la saga ed il film

di Valentina Cervelli Commenta

Beautiful Creatures – La sedicesima luna” è uno dei film più attesi di questo 2013 appena iniziato. E se il nostro intuito non fa cilecca, di sicuro la saga, al pari di ciò che è successo con quella di Twilight scritta da Stephenie Meyer, sicuramente godrà di nuova linfa e popolarità.

Ma abbattete il pensiero di vampiri e licantropi. Siamo oltre. Qui si parla di magia. La serie, scritta da Kami Garcia e Margaret Stohl al momento conta su quattro libri ed un ebook segue ad ogni modo il classico filone adolescenziale alla Dawson ‘s Creek, salvo poi rivelarsi in pieno stile gotico, teatro di un’epica battaglia tra il bene ed il male. I critici parlando di ambientazioni molto più vicine alla nostra cultura rispetto a Twilight. Ciò non toglie che si parla comunque di ragazzi e del grande amore da teenager.

La storia è ambientata in una scuola, l’amore è scritto nel destino ed i nemici sono sempre in agguato. Il tutto si svolge a Gatlin, cittadina (realmente inesistente) della Carolina del Sud negli Stati Uniti. Ethan è un ragazzo di sedici anni orfano di madre e appassionato di letteratura. Lei è Lena, compagna di classe  e nuovo arrivo in città. Il giovane sogna di lei ancor prima di incontrarla per la prima volta e ne “sente” oniricamente l’odore di limone e rosmarino tipico della sua pelle. Questo è un fattore molto importante all’interno di ogni volume della saga.

Il loro rapporto, che nasce come un’amicizia e si evolve in una storia d’amore, diventa ben presto qualcosa di soprannaturale: lei si scopre essere una maga vittima di maledizione e lui membro di una famiglia magica. Al compimento dei sedici anni si ritroverà a dover scegliere tra il bene ed il male. Vi sentite incuriositi? Io personalmente, se devo essere sincera, sì. Qualcuno di voi lo ha già letto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>