Amanda Knox vende i diritti del suo libro: 4 milioni di dollari

di Valentina Cervelli Commenta

venduti diritti harper collinsNon abbiamo fatto in tempo a raccontarvi della diatriba in atto per “l’accaparramento” delle memorie di Amanda Knox che la ragazza, grazie al supporto del suo agente letterario, è riuscita a concludere la vendita dei diritti del suo libro per una cifra record: ben 4 milioni di dollari. Una remunerazione che qualsiasi esordiente in letteratura può solo sognare ( ed anche molti scrittori affermati), e che lei ha “guadagnato” con il semplice impegno di raccontare la sua verità in un libro.

Come ricorderete tutti questa ragazza è tristemente nota alle cronache per essere stata considerata per quattro anni, prima del proscioglimento in Corte d’appello, di avere ucciso la studentessa inglese Meredith Kercher insieme al suo fidanzato italiano di allora, Raffaele Sollecito (tra l’altro anche lui affidatosi ad un agente americano per il suo possibile libro sulla vicenda, n.d.r.). Ad accaparrarsi la vittoria è stata l’Harper Collins, il colosso dell’editoria americana.  E vista con il senno del poi, e basandosi su trascorsi della casa editrice, non poteva essere altrimenti.

E’ l’unica così forte da poter eventualmente ammortizzare il flop di una eventuale pubblicazione. E pensare che qualche giorno fa si parlava di “soli” 600mila dollari. La giovane, nel corso della sua detenzione presso il carcere di Perugia ha tenuto un preciso diario della sua permanenza italiana. Con molta probabilità sarà proprio quest’ultimo a rappresentare la traccia e buona parte del lavoro di stesura di Amanda.

Ricordiamo che l’agente letterario della giovane è niente di meno che Robert Barnett, avvocato e vero guru del settore. Tra i suoi clienti, tanto per citarne alcuni, vi sono stati gli ultimi tre presidenti degli Stati Uniti: Barack Obama, Bill Clinton e George W. Bush. In molti pronosticano, nonostante la divisione dell’opinione pubblica un successo, soprattutto perchè si sta puntando già da ora a creare il mistero su dei presunti “segreti” non ancora rivelati della sua detenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>