Presentazione di Dolci da morire, di Paolo Franchini e Marco Maculan

di isayblog4 Commenta

Dolci da morire non è un libro di cucina e neanche il titolo di un romanzo giallo. E’ entrambe le cose. Se amate la cucina e sul vostro comodino non manca mai un appassionante giallo da assaporare prima di addormentarvi allora questo libro farà al caso vostro, o di qualunque persona corrisponda a questa descrizione. Curato da Paolo Franchini e Marco Maculan e edito da Il Cavedio, il libro esordisce finalmente in libreria.

Dolci da morire prende spunto dai gialli della famosa Agatha Christie che, tra delitti e misteri, non mancava mai di proporre ai suoi lettori delizie e manicaretti inglesi consumati durante le lunghe riflessioni di Miss Marple e Poirot, i protagonisti creati dalla scrittrice e chiamati a risolvere qualsiasi tipo di indagine.

Nel libro Dolci da morire il lettore potrà conoscere gli ingredienti e tutte le ricette per preparare a casa i dolci citati nei romanzi più famosi della scrittrice: scones al miele, soufflé al cioccolato, torte profumate e soffici; ogni delizia culinaria potrà essere preparata a casa propria e gustata, se volete, proprio durante la lettura delle storie.

Dolci da morire farà inoltre la felicità di tutti coloro che amano regalare libri alle persone care e desiderano fare del bene anche a chi ha più bisogno: gli autori hanno infatti deciso di devolvere in beneficenza tutti i proventi all’AISEA Onlus, un’associazione onlus a favore dei malati di Emiplegia Alternante.

Ecco la sinossi del libro pubblicata su Ibs:

Le torte di Agatha Christie, le delizie di Miss Marple, i dolcetti di Hercule Poirot… Direttamente dai romanzi della celebre scrittrice inglese, le torte e i dolcetti più amati dai protagonisti delle sue vicende “gialle”. Da Dieci piccoli indiani agli Scones al miele, dal Soufflé al cioccolato a Poirot si annoia: tutto quello che serve per conoscere meglio il lavoro e i personaggi della “donna del mistero” e le tante ricette che hanno reso più dolci anche le sue storie più cattive. L’intero ricavato della pubblicazione viene devoluto dagli autori ad A.I.S.EA Onlus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>