Libri da Gustare 2011: Andrea Zanfi vince la Sezione cultura del vino

di isayblog4 Commenta

Se dovete ancora acquistare il vostro regalo di Natale per il papà, il nonno o lo zio appassionato di libri e vini, l’opera di Andrea Zanfi potrebbe tornarvi utile. E’ “L’Emilia e la Romagna, terre di vini e confini”, l’opera che si è aggiudicata il Premio Libri da Gustare 2011 nella sezione Cultura del vino e del bere.

 Il volume, edito da Carlo Cambi Editore, ha ricevuto il premio la scorsa settimana ottenendo un risultato molto importante che, ancora una volta, stringe l’alleanza tra cibo e cultura; le due passioni dell’Italia, terra di grandi scrittori e sapori invidiati in tutto il mondo.

All’interno del libro, l’autore ha saputo raccontare a parole e inchiostro le caratteristiche dei vini dell’Emilia Romagna citando oltre ventuno denominazioni e oltre trecento tipologie di vino, una ricerca lunga e appassionante che ha aiutato l’autore a redigere un piccolo dizionario romanzato dei vini del suo territorio. Il risultato è un libro ben costruito che ha visto anche la partecipazione, soprattutto in fase di ricerca e stesura, dell’Enoteca Regionale Emilia Romagna che ha seguito Andrea Zanfi durante la redazione dei contenuti presentati nel volume.

Lo scopo dell’iniziativa di Libri da gustare, in fondo, è proprio quella di unire, in un libro, gusti e racconti, storie della tradizione italiana (o forense) premiando ogni anno i migliori volumi delle categorie Cultura del cibo, Cultura del vino e del bere, Il cibo in letteratura, Prime pagine.

Per tutti gli interessati, ecco la presentazione del libro:

L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini svela le aziende vitivinicole di una regione che ha richiesto un lavoro minuzioso di selezione di tutti quei vignaioli che poi nel libro sono stati raccontati attraverso pennellate narrative capaci di cogliere gli aspetti più veri e sinceri che li caratterizzano; insomma, non soltanto la mera visione di un’azienda e dei suoi prodotti, ma il racconto di un viaggio alla scoperta di un territorio e di chi vi sia “dietro” al vino e alla sua realizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>