La notizia perduta di Ugo Rubini

di isayblog4 Commenta

Vi consiglio di leggere La notizia perduta di Ugo Rubini solo se avete superato i quarantanni e se vi piace l’idea di cimentarvi in quella che potremmo definire una sfida letteraria.

Per quanto riguarda l’età, mi spiego subito: il romanzo comincia con la storia di un giovane uomo ansioso di incontrare dopo tanti anni una sua vecchia amica, da cui spera di ottenere la chiave di un mistero in cui si è imbattuto in giovane età e che li riguarda entrambi.

Pochi minuti dopo l’incontro, però, attratto dalla pianista del locale e dalla sua musica, il protagonista si astrae dalla conversazione e torna indietro con la memoria alla sua infanzia e alla sua giovinezza.

Curioso del mondo, attento osservatore delle persone che lo circondano, pensatore precoce, il bambino che è stato vive un rapporto profondo con i silenzi e con la natura.

Lentamente lo vedremo crescere, continuare a spostarsi, lui che anche da ragazzino non ha mai vissuto troppo a lungo nella stessa casa, fino a lasciare i confini italiani e quelli della sua fanciullezza. Sarà in questo viaggio verso la propria maturità che la musica ed il mistero diventeranno determinanti nella sua vita.

Naturalmente non vi dico altro per non rovinarvi il piacere di leggere. Noterò soltanto che questo romanzo di formazione porta con sé una malinconia tenuta a freno, cela una passione imbrigliata. Per capirla è necessario avere alle spalle un numero sufficiente di anni in cui poter affondare la propria memoria. Ci vogliono abbastanza sogni, rimpianti e rimorsi per poter entrare nel mondo di Ugo Rubini.

Allo stesso modo, per poter compiere insieme a lui questo percorso, non bisogna lasciarsi frenare dalla scrittura complessa e dal fraseggio articolato, ma impararla, farla propria, fino a che, superata l’iniziale perplessità, non si entra incuriositi nel suo gioco narrativo. Buona lettura:

Si sentì tradito da qualcosa, ma non ne seppe individuare l’origine. La natura invece non lo tradiva. Il sole splendente gli scaldava il volto e lo costringeva a chiudere gli occhi per non sentirsene accecato. Fiori, piante e uccelli non davano l’idea di essere minimamente preoccupati da quello che accadeva agli uomini. Nel viaggio di ritorno ammirò un mare quieto, azzurro e profondo, un rapido e breve susseguirsi di monti che si stagliavano lontani e di dirupi che per la loro alternanza davano le vertigini.

Autore: Ugo Rubini
Titolo: La notizia perduta
Editore: Liguori
Pagine: 168
Prezzo: € 20,00 eBook: € 9,90
ISBN: 978-88-207-4768-8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>