E’ morto Richard Matheson

di Valentina Cervelli Commenta

Richard Matheson ci ha lasciati. Una vera e propria leggenda della letteratura di fantascienza, ci ha abbandonati il 23 giugno, all’età di 87 anni. Abbiamo parlato diverse volte di lui, ma per molti rimarrà sempre l’autore del libro “Io sono leggenda“, dal quale è stato tratto l’omonimo film con Will Smith.

La dipartita dello scrittore è stata annunciata da un comunicato rilasciato dalla figlia:

Il mio amato padre è morto[…]a casa, circondato da persone e cose che amava. Era divertente, brillante, affettuoso, generoso, creativo e il padre più meraviglioso del mondo. Mi manchi e ti amerò per sempre. So che ora sei felice, in salute e ti trovi in un posto meraviglioso pieno di amore e di gioia.

Uno stile semplice, secco, non difficile da comprendere. E sicuramente precursore del genere fantascientifico che ancora oggi riempie gli scaffali delle nostre librerie. Richard Matheson è stato un autore a tutto campo. Scrittore di fantascienza ma anche di thriller e gialli mozzafiato, ha iniziato ufficialmente la sua carriera con la pubblicazione nel 1950 della storia “Nato d’uomo e di donna” su  Magazine of Fantasy and Science Fiction. E’ sempre stato un’artista eclettico, e se vogliamo tralasciare la trasposizione cinematografica di altre sue opere, non possiamo fare a meno di pensare alle sceneggiature che lui stesso ha scritto per diversi episodi di Star Trek, la nota serie televisiva. Domani l’Academy of  Science Fiction, Fantasy and Horror Films lo avrebbe onorato con un premio alla carriera: la cerimonia gli verrà dedicata nella sua interezza.

Tentare di definire Richard Matheson è un po’ come parlare della Gioconda. Ray Bradbury lo definì uno degli scrittori più importanti del XX secondo. E chi ha letto “Cell” di Stephen King, non dimenticherà la dedica che lo stesso gli ha riservato come uno dei più influenti autori nella sua vita.  La verità è che di autori come Matheson non ne nascono molti, e quando vengono a mancare, la loro assenza è più chiassosa di quanto lo fosse la loro presenza.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>