Il libro del destino – Alba e crepuscolo, recensione

di Barbara Commenta

Elisa Rosso - Il libro del destinoElisa Rosso, di cui vi avevo parlato qualche giorno fa, è nata nel 1993 e ha all’attivo tre corposissimi romanzi fantasy, Il principe delle nebbie, L’erede di Ahina Sohul e Alba e Crepuscolo, che compongono la trilogia de Il libro del destino, edita da Piemme.

Il terzo e conclusivo romanzo, Alba e Crepuscolo, è ricco di battaglie e di colpi di scena, che capovolgeranno continuamente le relazioni che si sono instaurate o stanno per instaurarsi tra i vari protagonisti della storia.

Se non avete letto i precedenti due romanzi, sappiate (ma sto sintetizzando impropriamente la fittissima trama) che la Compagnia delle Cinque razze libere è a caccia di alleanze per sferrare un attacco finale al Signore delle Nebbie.

Una speranza sembra corroborare tutti: oltre al traditore Bedwyr, c’è un secondo erede al trono. Questi però ancora non sa di esserlo e la presa di coscienza della sua identità e del suo ruolo saranno un momento difficile e delicato non solo per lui, ma anche per quanti gli stanno intorno.

Intanto, Enys incontra la sua gemella Eryn e il confronto tra le due si fa da subito serrato e duro. Eryn, ostile e aggressiva apparentemente senza alcuna spiegazione, porta con sé un terribile e doloroso segreto, che sarà determinante per la riuscita della missione.

Tra le due, Jadifh, il personaggio a mio avviso più interessante di tutta la storia, che si trasformerà suo malgrado in uno strumento nelle mani di un traditore che opera non visto e che fa pericolosamente pendere le sorti della battaglia a favore di Pseudos.

Cosa dire di questo romanzo articolato e pieno d’azione? Sono davvero stupita dalla giovane età della scrittrice, dalla furia delle battaglie, dai colpi presi e ricevuti dai protagonisti, dalla trama fitta e dai tanti personaggi che interagiscono tra di loro. Se avete intenzione di comprare un romanzo per i ragazzi di casa, allora con questo andate sul sicuro.

Quello che incuriosisce me, invece, è vedere come si evolverà la sua scrittura. Padroneggiando così bene le tecniche narrative, man mano che crescerà letterariamente e umanamente, Elisa Rosso arricchirà di sicuro di spessore e profondità trama e personaggi.

Mi auguro di poter seguire questo suo percorso fino ad avere tra le mani una sua opera dedicata magari al pubblico degli adulti cui lei apparterrà (il che mi fa rendere conto, che io per allora apparterrò alla cerchia della terza età, ma pazienza).

Stava in piedi appoggiata al parapetto, fissando il ragazzo con occhi di acciaio. Non dimostrava più di trent’anni, eppure il suo viso dai lineamenti marcati era pervaso di una calma solenne, mista a una sorta di saggia determinazione. Aveva l’aria di chi aveva visto molte cose e sopportato molti dolori. I riccioli neri ricadevano morbidi sulle spalle dell’abito viola e si confondevano con la notte. Teneva al collo una penna d’aquila, candida contro il vestito, che ondeggiava al vento ruotando su se stessa.

Autore: Elisa Rosso
Titolo: Il libro del Destino – Alba e crepuscolo
Editore: Piemme
Anno: 2012
Pagine: 468
Prezzo: € 18,00
ISBN 978-88-566-2291-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>