I libri per ricordare la Shoah

di Valentina Cervelli Commenta

La Shoah, con tutti i suoi orrori, dovrebbe essere ricordata attraverso diverse iniziative in tutto il mondo e tutto l’anno ma, approfittando della celebrazione della Giornata della Memoria, è possibile selezionare delle letture che non farebbe assolutamente male consultare a prescindere dall’età.

Il mio maestro Janusz Korczak di Itzchak Belfer

Questo libro è perfetto per essere consultato anche dai bambini perché un ottimo mix tra disegni e parole. L’uomo infatti racconta degli anni passati nell’orfanotrofio di Varsavia fondato dal pediatra Janusz Korczak. L’uomo educava i bambini alla libertà e all’uguaglianza e nel momento in cui avrebbe potuto mettersi in salvo rifiutò di farlo per non abbandonare i suoi orfani ebrei, finendo insieme a queste innocenti creature nel campo di sterminio di Treblinka.

Il diario di Anne Frank

Può essere considerato un classico per ciò che concerne le biografie relative alla Shoah: quel che è certo è che il diario di questa giovane ragazza rimane una delle testimonianze  più forti della persecuzione ebraica perché vissuta da un’adolescente riuscita a rendere “disponibile” a tutti, grazie al suo linguaggio semplice ma potente allo stesso tempo, quella che è stata la sua esperienza da persone perseguitata e nascosta.

Se questo è un uomo di Primo Levi

Anche in questo caso si ha una testimonianza diretta di quello che è stato l’orrore nazista e di come profondamente questo piano di sterminio sia qualcosa che è necessario ricordare per evitare che in futuro possa accadere lo stesso. Un libro semplice, ma molto crudo, che dovrebbe essere letto spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>