Libero Grassi, una graphic novel per ricordarlo

di Valentina Cervelli Commenta

 Questo anno ricorre il ventesimo anniversario della morte dell’imprenditore Libero Grassi, rapito ed ucciso dalla mafia. Quale modo migliore per far conoscere la sua storia anche a quelle generazioni nate dopo il suo passaggio sulla terra se non con una graphic novel? Il fumetto sta prendendo sempre maggior lustro come strumento di comunicazione ed è sembrato in questo caso, lo strumento adatto. “Libero Grassi (Cara mafia io ti sfido)” nasce da un idea fortemente voluta dalla Round Robin Editrice, una piccola realtà editoriale romana.

Nasce dalla mano di autori come Laura Biffi, Raffaele Lupoli e Riccardo Innocenti. Attraverso il sito del Corriere della sera, che ha deciso di coadiuvare l’operazione è possibile visionare in rete alcune tavole di anteprima. Cosa rende questa graphic novel tanto importante da diversi punti di vista? Il fatti che ripercorra tappe ben precise del periodo storico del quale fa parte.  Libero Grassi è stato un uomo che ha dimostrato di non avere paura per la propria sopravvivenza, azzardandosi in un periodo nel quale la lotta alla criminalità organizzata era forse nel suo momento più alto, a sfidare apertamente le cosche per difendere il suo lavoro.

L’imprenditore venne ucciso il 29 agosto del 1991, in piena mattina davanti alla sua abitazione. Ma a concorrere a questo omicidio non furono solo le famiglie mafiose, ma anche tutti gli altri commercianti che in silenzio, continuarono ad appoggiare l’omertà pagando il pizzo alla criminalità, lasciandolo di fatto solo davanti ad un grande pericolo.

E’ innegabile che fu solamente con la morte di Falcone e Borsellino che le coscienze si risvegliarono, dando modo alla Sicilia intera di risvegliarsi dal suo torpore ed ad iniziare a denunciare i propri aguzzini. Questo libro a fumetti ripercorre attraverso la storia dell’imprenditore assassinato fedelmente quel periodo storico, dando modo anche a chi non ha mai vissuto una situazione simile di toccare con mano tutti gli aspetti di quella bella ma travagliata terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>