Di passaggio, di Jenny Erpenbeck

di Barbara Commenta

Sono talmente abituata a leggere libri di autori quarantenni che sono in realtà esordienti e che devono ancora lavorare molto per raggiungere una piena maturità narrativa, che quando ho cominciato a leggere Di passaggio, di Jenny Erpenbeck, mi son detta che forse avevo letto male e che la scrittrice doveva essere sicuramente oltre i cinquanta.

La Erpenbeck è invece una scrittrice berlinese del 1967 e ha dalla sua una capacità affabulatoria notevole. Nel suo romanzo si compongono sostanzialmente undici storie di undici famiglie, punteggiate da una sola presenza costante, quella del giardiniere. Ogni racconto porta con sé una sua specificità narrativa, che affonda le radici nella tradizione orale, nel racconto più moderno, in quello storico.

Siamo di fronte ad una scrittura, come dire, di un certo peso, competente, curata, limata, eppure in grado di affascinarci allo stesso modo di un racconto più semplice.

Attenzione però a non sottovalutare per questo l’opera: non è un lavoro di maniera, non sono semplici storie cucite insieme. Le domande nascoste nella vita dei protagonisti, le considerazioni che aleggiano intorno a quella del giardiniere sono profonde, sono le domande ultime o se volete, le prime che ciascuno di noi dovrebbe porsi.

Se lei volge lo sguardo all’indietro, il tempo combacia con se stesso e diventa piatto. Le cose si susseguono soltanto finché si vive per estrarre una scheggia dal piede di un bambino, togliere al momento giusto l’arrosto dal forno o confezionare un vestito con un sacco che conteneva le patate, ma quando si è in fuga il bagaglio si riduce e ciò che ci lasciamo alle spalle aumenta, e un bel giorno ci si ferma e si sta lì seduti, e nient’altro, e della vita allora non rimane che la vita, e tutto il resto riposa negli innumerevoli fossi di strade innumerevoli, in un Paese che è vasto come l’aria,
e di certo ci saranno anche là gli stessi denti di leone e le stesse allodole.

Autore: Erpenbeck
Titolo: Di passaggio
Traduzione: Ada Vigliani
Editore: Zandonai
Anno: 2011
Pagine: 168
Prezzo: € 16,00
ISBN: 978-88-95538-61-7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>