Il computer di sostegno, di Flavio Fogarolo

di Barbara Commenta

Magari vi state chiedendo come mai mi sento attratta da un manuale come questo e chi me lo fa fare di leggerlo. In sintesi: con il computer ci lavoro e trovo sempre interessanti le possibilità che offre a tutti; recentemente ho scoperto il valore di computer e postazione Wii per quei bambini ospedalizzati che non possono andare a scuola, muoversi, comunicare con il mondo esterno; mi è capitato di parlare con un insegnante che aveva un bambino dislessico e di riflettere su come consentirgli di esprimere le proprie potenzialità grazie a diversi mezzi di comunicazione.

Infine ho avuto e ho tutt’ora amici con problemi psicomotori di una certa importanza e penso che la loro infanzia sarebbe stata molto diversa se avessero avuto a tempo debito (ma ahimè, parliamo di 50 anni fa) risorse come queste.

Per chi non ha dimestichezza con il computer e con i computer pensati per persone con disabilità, il manuale di Flavio Fogarolo riserverà molte sorprese.

Io ad esempio non immaginavo che esistessero così tante tastiere, a seconda delle necessità dell’utente. Parliamo non solo di tastiere più grandi o di forme diverse, ma di tastiere che hanno i tasti in posizione diversa o di colori diversi, rientranti, piatti, più sporgenti.

Fogarolo cerca di tracciare una sorta di mappa che comprenda i vari ostacoli all’apprendimento e le possibili soluzioni offerte dalle tecnologie informatiche sia nel campo dei software che delle periferiche (tastiere, appunto, ma anche stampanti come quella braille e sistemi di lettura automatica dei testi e via dicendo).

Non solo, ma suggerisce anche i programmi adatti a seconda dei deficit e come muoversi praticamente, ad esempio quale risoluzione dello schermo scegliere e per chi. Infine, forse la parte più importante del manuale, l’autore ci aiuta a porci come mediatori tra il computer e l’utente e persino tra alcuni programmi di apprendimento e l’alunno.

Perché è vero, sono strumenti pensati per un certo tipo di persone, ma sono appunto strumenti e vanno usati e calibrati a seconda delle situazioni e di chi deve trarne beneficio.

Siamo naturalmente in un campo in continua evoluzione e di anno in anno i mezzi si evolvono e si affinano. Questo manuale è però un buon punto di partenza, per superare la propria diffidenza verso un mezzo che appare freddo e trovare finalmente uno spazio e un’opportunità di relazione e di apprendimento che altrimenti la disabilità negano o quantomeno limitano.

Autore: Flavio Fogarolo
Titolo: Il computer di sostegno. Ausili informatici a scuola
Edizioni: Erickson
Anno: 2012
Pagine: 247 + CD ROM
Prezzo: € 23,00
ISBN 978-88-6137-987-9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>