Avvicinare i bambini alla lettura in quattro mosse

di Barbara Commenta

Che leggere sia fondamentale per l’umore dei bambini, per lo sviluppo della loro intelligenza e del linguaggio è ormai appurato. I libri, però, sono anche un’ottima soluzione quando si vuole parlare con i piccoli di argomenti troppo difficili per loro. Ad esempio, con mia figlia sono stati utili per parlare delle paure e delle emozioni in generale.

A proposito di mia figlia: ha quasi sei anni, ma già da tempo per lei l’appuntamento con la libreria è qualcosa che la elettrizza. Anche in vacanza va a caccia di libri da comprare e non vedo l’ora che impari a leggere, bene, per vederla tutta sola, immersa magari in Harry Potter o in Uno Yankee alla corte di Re Artù.

Come fare, però, perché i nostri piccoli familiarizzino con i libri? Per prima cosa, procuratevi libri adatti a loro: si parte con i volumetti in plastica, adatti per il bagnetto (naturalmente appena possibile leggete con loro la storia che vi si trova stampata) per arrivare ai libri di stoffa, che verranno sistematicamente succhiati e mordicchiati.

Poi fate in modo che ci siano sempre libretti adatti alla fascia d’età dei vostri bambini e possibilmente portateli con voi in libreria o in biblioteca a sceglierli. Cercate di indovinare quali attirano la loro attenzione e se possibile assecondate i loro gusti.

Terzo: leggete i libri insieme a loro. Sia durante i momenti di gioco e di relax che prima di andare a dormire. Recitateli anche, non fate una cantilena monocorde. Improvvisatevi cantastorie.

Infine, leggete. Sì, proprio voi. I bambini imparano dai loro genitori e se li vedranno immersi in una storia, affascinati da un romanzo, vorranno anche loro un giorno fare questa straordinaria esperienza.

Questo non vuol dire che verranno su necessariamente appassionati al vostro genere di lettura (attraverseranno magari le orride fasi fatine-mostri-vampiri) né che leggeranno decine di libri in un anno. Sicuramente avrete però offerto loro un rifugio per i tempi bui, una risata per i giorni tristi, uno sguardo sul mondo per quando vogliono viaggiare senza muoversi da casa.

Photo Credits | little blue hen su Flickr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>