Fattore Zombie, arriva in rete il romanzo a puntate

di Valentina Cervelli 2

Pensate alla rete, ed alla voglia di scrivere un romanzo. Perché non unire entrambe le cose in un mix e pubblicare un romanzo a puntate sulla rete? E’ quello che accade presso il sito Fattore Zombie, dove il progetto omonimo è partito lo scorso aprile e sta man mano andando avanti. Un nuovo modo di scrivere e abbattere i muri dell’editoria? Non proprio, ma di certo una idea davvero particolare.

Basta pensare alla presentazione del progetto fatta dall’autore, al momento identificabile sotto il nome di Matteo:

Fattore Zombie è il primo romanzo italiano horror a capitoli, direttamente sul web. “Esistono. E invidio gli scettici. Almeno loro avranno paura solo alla fine. Per noi questo è soltanto l’inizio.

La storia di per sé, riguardante i morti viventi, o zombie che dir si vogliono, alterna momenti di totale anonimato a sprazzi di contenuti veramente interessanti. Non ce ne voglia l’autore ma i tratti più riusciti sono quelli che in qualche modo richiamano ad una quotidianità vera, a dei particolari che seppur totalmente estranei nella realtà ( avete presente il disclaimer che ogni citazione di personaggio reale è puramente casuale?, n.d.r.), conferiscono alle varie puntate del romanzo una certa tenuta realistica.

Perché è inutile negarlo, l’idea di per sé è davvero buona, specialmente se adeguatamente coperta da copyright, sotto qualsiasi tipo di licenza. Ma questo non fa automaticamente di una storia una “buona storia” se avete capito cosa intendo, soprattutto se il lavoro di uno scrittore non passa tramite un editor. Perché se il post nel quale Silvio Berlusconi, ormai diventato capo dello stato parla alla cittadinanza a reti unificate per sedare gli animi e convincere gli italiani che tutto va bene , è carino e nell’ordine di un certo stile, sia per idea che per composizione,  i frammenti descrittivi reggono poco il confronto, mancando di quella forza, ma soprattutto di quello stile e freschezza che l’autore possiede a guizzi.

Di certo, l’idea merita piena promozione!

Commenti (2)

  1. Grazie Valentina della recensione. Sono “l’identificabile” Matteo 🙂
    Ti ringrazio per le parole e per le osservazioni che non possono fare altro che stimolarmi. La mancanza di un editor si nota eccome, ma questo “libro” è la mia “valvola di sfogo”: scrivo sempre di getto senza guardarmi alle spalle, solo per il gusto di farlo. I capitoli saranno di certo pieni di refusi e di dettagli che avrei potuto curare meglio.
    Sulle descrizioni non ho capito ancora cosa piace, invece. Pensa che mi sono arrivate mail che mi dicevano “descrivi troppo” e altre il contrario. Mah. Fortunatamente mi posso ancora permettere di scrivere come piace a me… ma questo non significa che il lavoro può migliorare seguendo le tue critiche costruttive. Grazie dell’analisi e della segnalazione, mi ha fatto molto piacere.

    P.S.: Ci sarà presto qualche novità importante!

  2. Grazie di essere passato nel nostro angolo 🙂 e tienici informato sulle novità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>