Stephen King e John Cusack insieme per “Cell”

di Valentina Cervelli Commenta

Una collaborazione che non potrà fare altro che piacere ai fan di Stephen King se hanno gradito la realizzazione cinematografica di 1408: John Cusack ed il Re sarebbero infatti gli elementi chiave della trasposizione su pellicola del libro “Cell”.  Il primo come protagonista, il secondo come autore della sceneggiatura.

Senza dubbio “Cell” è uno dei romanzi di Stephen King degli ultimi periodi che più segue un filone “horror tecnologico”. Per farvi capire quanto questa storia sia in grado di “penetrare” nella testa, condividerò con voi la sensazione che ho provato leggendolo: la paura che una cosa del genere potesse effettivamente accadere. E come difficilmente l’intera razza umana sarebbe in grado di salvarsi da un tale sfacelo. Guardiamo in faccia la realtà: praticamente tutti possediamo un cellulare. E se questo fosse veicolo di una trasformazione… meglio non pensarci.

Vi confesserò un’ulteriore cosa, che è poi quella che mi ha contemporaneamente stupita e resa felice della notizia: John Cusack è proprio la persona che immaginavo fosse il protagonista nel corso della lettura.  Sembrerà assurdo, ma personalmente non vedo l’ora che inizino le riprese. Il libro di per se stesso, sebbene in alcune parti mi abbia lasciato un tantino perplessa ha un enorme potenziale, sia in quanto ad intrecci e caratterizzazioni dei personaggi, sia in quanto ad ambientazioni.  Il fatto che sia Stephen King a curare direttamente la sceneggiatura rende il progetto ancor più interessante.

Senza contare che quasi sempre, quando è lui a curare il soggetto, Stephen King trova sempre modo di infilare un suo piccolo cameo all’interno.E  sono onestamente curiosa di  scoprire quale sarà questa volta. Quello che trovai più divertente in assoluto è senza dubbio quello del film Tv Rose Red, nel quale si è ritagliato il ruolo di uomo della pizza. E che dire della guardia di frontiera in “L’ombra dello scorpione”? Se non l’avete fatto, leggete il libro.

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>