Stephen King, l’Ombra dello Scorpione diventa un film

di Valentina Cervelli 1

Non fa in tempo a raffreddarsi la notizia della trasposizione su pellicola della saga fantasy de “La Torre Nera” , che Stephen King torna protagonista tra gli addetti ai lavori per un nuovo film liberamente ispirato ad una sua opera.

Parliamo di “The Stand”, tradotto in Italia sotto il nome de: “L’ombra dello scorpione”.

Si tratta di una delle pietre miliari della carriera letteraria di Stephen King. Al suo attivo questo romanzo presenta una riedizione con l’aggiunta di materiale inedito ed un film per la tv diffuso in home video in  tutto il globo.  Ed ora,  l’evento è dato per certo da tutte le riviste online specializzate,  la storia della “superinfluenza” arriverà sul grande schermo.

Ci sono voluti diversi anni, ma alla fine è stata la Warner Bros a spuntarla sulla Fox e sulla Sony per l’acquisto dei diritti. Sistemata la parte burocratica del lavoro, la casa di produzione statunitense è ora alla ricerca del regista e dello sceneggiatore.  Per quest’ultima non è esclusa la partecipazione alla stesura dello script dello stesso King, già chiamato in causa per la versione televisiva e presente in un cameo all’interno della stessa.

Chi segue lo scrittore sa che spesso e volentieri,  quando coinvolto nella stesura del copione, King appare in cameo nella pellicola.

L’ombra dello scorpione è ambientato in un 1986 post apocalittico dove, in seguito alla diffusione di un virus mortale creato in laboratorio, la superinfluenza,  la popolazione umana mondiale è stata decimata ed i sopravvissuti si dividono tra bene e male. Ne scaturirà una lotta mozzafiato intrecciata con le vite dei protagonisti.

Uno spaccato nel quale è impossibile non riconoscersi. La trasposizione televisiva, sebbene molto apprezzata dai fan di King, fu un flop nel 1992, ma lanciò attori  come Rob Lowe e Gary Sinise, il Mac Taylor di CSI: New York.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>