Recensione di Uno sfaccendato ai Giochi Invernali, Martino Vergnano

di isayblog4 Commenta

Mattia Valle Ceppi è un piemontese sfaccendato, un trentenne (o giù di lì) appassionato di scrittura e alla ricerca di un po’ di denaro. La sua voglia di lavorare è scarsa e, se potesse, trascorrerebbe volentieri il tempo libero sdraiato sul letto a fumare un po’ di tabacco e consumare qualche bottiglia (o sbevazzare, come direbbe lui). Ma mentre dentro la casa di mamma e papà il tempo sembra scorrere lentamente, fuori, nella grigia e barocca Torino, la città sta per iniziare il suo fermento, un moto continuo di cui anche Mattia Valle Ceppi farà parte.

E’ autunno e la meravigliosa Sestriere, sempre colma di turisti e di negozi sportivi dai prezzi inaccessibili, sta per trasformarsi: lì il nostro Mattia e la sua banda composta da parenti sfaccendati come lui, extracomunitari e poveri diavoli alla ricerca di qualche euro, inizierà a lavorare sodo e a conoscere il vero lato delle Olimpiadi, quello dei volontari e dei tecnici retribuiti (a cinque euro l’ora), del freddo gelido e delle capanne arredate con mobili prefabbricati e del vino a basso costo. Il nostro eroe, ormai consacrato a lavoratore instancabile e affidabile, farà il grande salto passando da Torino, per l’inaugurazione dei Giochi, e nuovamente a Sestriere, dove potrà ricoprire il ruolo più ambito.

E’ divertente e verace il romanzo breve dello scrittore Martino Vergnano che, tra un epiteto e l’altro, ci regala uno spaccato inedito di uno degli eventi più importanti mai ospitati da questa grande città.

Il romanzo breve, trenta pagine di risate e sarcasmo, è stato presentato dal gruppo Questa è Torino, una realtà social che, oltre a presentare gli eventi e le curiosità sul capoluogo piemontese, ha da poco pensato di accogliere gli scritti di tutti i narratori, inediti e non, che vogliano raccontare un pezzo della loro Torino, un volto nuovo che, tra l’orgoglio e lo stupore, ci faccia esclamare “Anche questa è Torino!”.

Cliccate qui per leggerlo e buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>