Esce in libreria “Questo amore”: il nuovo libro di Bruno Vespa

di Valentina Cervelli Commenta

Esce oggi in libreria, puntuale come ogni anno, il nuovo libro di Bruno VespaQuesto amore”. Edito da Mondadori, il giornalista crea al suo interno un ritratto dell’amore degli italiani dai 15 agli 80 anni. Un approccio generale che diventa personalistico attraverso le testimonianze di personaggi importanti e fatti di cronaca.

Un esempio? L’amore “maledetto” di Olindo e Rosa Romano, autori della strage d’Erba ai quali fa più male il non poter vivere nella stessa cella piuttosto che l’essere condannati all’ergastolo. Una unione che l’autore affronta con piena cognizione, avendo incontrato in carcere la coppia. Un ampio spazio è stato poi dato al premier Silvio Berlusconi ed al suo bunga bunga, direttamente esplicitato da lui:

Quando qualcuna delle mie ospiti diceva: dopo cena facciamo un po’ di “bunga-bunga” si riferiva a fare quattro salti. A cui io, peraltro, non partecipavo a causa di un antico e sempre rispettato fioretto.

Eleganza e danze a parte, ed amori politici bipartisan,  quello di Bruno Vespa, per un motivo o per un altro rappresenterà l’ennesimo best-seller della sua carriera. Anche se magari non proprio espressamente per la voglia delle persone di leggere un saggio sul sentimento che muove il mondo, quanto per la voglia, estremamente voyeuristica delle persone di entrare nelle vite dei personaggi più o meno famosi.

L’amore, va detto, sebbene non sempre in maniera politicamente corretta, viene affrontato sotto ogni punto di vista. A partire dall’adolescenza, quando per una cotta sembra che si debba fermare il mondo, fino a quello dell’anzianità, dove a prevalere è la voglia di condividere belle esperienze. L’amore violento, che fa male,  e le precoci esperienze sessuali dei giovani. Non manca poi uno spazio dedicato ai tradimenti, agli scambi di coppia ed agli amori tra persone dello stesso sesso.

L’amore più alto presente nel libro? Quello che spinge i sacerdoti a lasciare tutto per dedicarsi a Dio ed agli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>