E’ morto Henry Denker, padre del genere legal-thriller

di Valentina Cervelli Commenta

morto henry denker padre legal thrillerHenry Denker sarà sicuramente un nome sconosciuto ai più, soprattutto a coloro che appartengono alle nuove generazioni. Ma non sbagliamo a dirvi che se potete contare su sceneggiati televisivi tipo CSI è lui che dovete ringraziare: l’autore 99enne deceduto per un tumore al polmone nella sua abitazione è, infatti, il padre del legal thriller in ambito medico.

Il suo periodo d’oro è stato tra gli anni 60 e 70. Le vendite dei suoi libri, veri e propri best sellers, gli hanno consentito di vivere una vita agiata fino ai nostri giorni. Come ricordano i suoi necrologi, le sue migliori opere possono essere riscontrate in “Processo ad un medico”, “L’esperimento”, “L’errore del chirurgo dalle mani d’oro” e “Un medico in tribunale”. Tutti volumi tradotti in italiano e lanciati nel nostro mercato dall’editore Longanesi. Opere che, sebbene non abbia mai effettuato studi specifici in merito alla correlazione tra la medicina e le sue implicazioni giuridiche e di coscienza, hanno dimostrato in tutto il loro fulgore la passione del loro autore per il tema.

Vi chiederete sicuramente come fosse in grado di portare avanti le sue opere scrivendo cose serie e verificabili in tal ambito. La risposta la diede lui in un’intervista di tanto tempo fa:

Non ho mai compiuto studi di medicina ma la maggior parte dei miei amici sono dottori e passo molto tempo negli ospedali per le ricerche.

Tra le opere edite in lingua italiana di Henry Denker figurano anche i romanzi “Oltraggio”, “La forestiera” ed “I guaritori”.

Un artista eclettico: questa potrebbe essere la migliore definizione del quasi centenario Denker. Negli anni Quaranta condusse il programma radiofonico “The Greatest Story Ever Told”, basato sui racconti della Bibbia, che egli scrisse, produsse e diresse per un decennio.  E che rappresentò l’ispirazione del film “La più grande storia mai raccontata” del regista George Stevens . E vogliamo parlare dei suoi successi a Brodway. La cultura americana ha perso una vera e propria pietra miliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>