Libri nel Ghetto: la letteratura ebraica a Roma

di Giada Aramu Commenta

Si concluderà mercoledì 21 settembre il Festival Internazionale di Letteratura Ebraica a Roma, la culla della comunità giudaica della capitale italiana che, per l’iniziativa, si trasformerà in un luogo di condivisione aperto al dialogo tra tutte le comunità sia italiane che internazionali.

Durante i giorni della rassegna, tutti i presenti saranno invitati a prendere parte alla presentazione di nuovi libri e anche di eventi musicali, tra cui lo spettacolo jazz che vedrà Daniel Zamir salire sul palco ed esibirsi mercoledì sera al Palazzo della Cultura, e rappresentazioni teatrali.

L’ingresso è libero per tutti e, per aiutarvi a scegliere il vostro evento preferito, vi segnaliamo qui gli appuntamenti organizzati fino al giorno di chiusura del festival:

Lunedì 19 settembre:
Ore 18, Palazzo della Cultura: Sefardita. Epopea di una famiglia. Anais Ginori incontra Eliette Abécassis
Ore 18.30, Ermanno Tedeschi Gallery: Presentazione mostra Menashe Kadishman
Ore 21, Palazzo della Cultura: Il suono dei nostri passi. Chiara Valerio incontra Ronit Matalon

Martedì 20 settembre:
Ore 10.30, Palazzo della Cultura: Il ContorSionista, Ariela Piattelli e Raffaella Spizzichino incontrano Fabio Sonnino
Ore 19, Palazzo della Cultura: Fuori dal ghetto!, con Bice Migliau e Stefano Caviglia
Ore 20.30, Palazzo della Cultura: A spasso pe’ ghette. A cura di Alberto Pavoncello. Interviene Amedeo Spagnoletto

Mercoledì 21 settembre:
Ore 19.30, Palazzo della Cultura. L’enigma di Finkler. Roberto Cotroneo incontra Howard Jacobson
Ore 22, Palazzo della Cultura. Jewish Jazz, Daniel Zamir in concerto

Il festival, giunto quest’anno alla sua quarta edizione, è un appuntamento molto atteso: durante le giornate dedicate all’evento la condivisione e l’esperienza delle comunità presenti è forte e coinvolgente tanto da vedere coinvolti non più solo i libri e la parola scritta, ma anche l’arte musicale e quella teatrale: settori culturali non più distinti e distanti ma ormai legati tra loro e influenzati a vicenda. In particolare, in questa edizione, saranno infatti molti i richiami al 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia e alla sua storia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>