Il codice McCartney – La verità sulla morte di Paul”: una verità svelata?

di Valentina Cervelli 1

 Avete mai sentito della leggenda per la quale il Beatles Paul McCartney sarebbe morto negli anni sessanta e sostituito da un sosia? Se la risposta è affermativa  con “Il codice McCartney – La verità sulla morte di Paul”, il libro scritto da Fabio Andriola e Alessandra Gigante avete trovato pane per i vostri denti.

In caso contrario, il libro edito da Rizzoli può rivelarsi un ottimo punto di partenza non solo per venire a contatto con una storia densa di mistero, ma anche con le tecniche all’avanguardia che nel mondo di oggi vengono utilizzati nella ricerca scientifica per il riconoscimento antropomorfico.

La cospirazione su una eventuale morte di Paul McCartney ed una sua sostituzione con l’ex poliziotto William Campbell è nota da tempo e conosciuta sotto l’acronimo di PID “Paul is Dead” una  leggenda (o forse mezza verità?) alimentata nel corso degli anni dagli stessi Beatles attraverso degli indizi lasciati qua e là tra album e canzoni. Il libro dimostrerebbe come, sebbene ovviamente nulla è stato confermato e probabilmente mai accadrà, effettivamente in base alle prove raccolte scientificamente ed alle analisi utilizzate come l’identificazione antropometrica sulle foto scattate prima e dopo il presunto incidente, perizie vocali e analisi grafologiche, qualcosa che non torna vi sia.

E bisogna ricordare che si parla di “altissimi livelli di precisione tecnica” attualmente utilizzate come prove nei processi. I due autori nel libro hanno unito leggenda e ricerca scientifica in modo tale da trovare una risposta seria e veritiera alla teoria.

I risultati potrebbero davvero aprire la strada al dubbio. Se non comprovando la morte, fattore impossibile con i dati in mano, quantomeno insinuando scientificamente il dubbio su una eventuale sostituzione.  Si tratta di un volume che sicuramente troverà ampio riscontro non solo in Italia ma tra le migliaia di “estimatori” della PID che da anni contribuiscono al diffondersi di questa storia.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>