Ereader: il futuro negli schermi iridescenti?

di Valentina Cervelli Commenta

ereader futuro schermi iridescenti

Quando si parla di ereader stare al passo con i tempi non significa solo analizzare le caratteristiche tecniche di quelle che sono le nuove uscite sul mercato ma anche rimanere sempre aggiornati su ciò che il futuro del settore promette. Cosa ne dite di ebook reader dotati di schermi iridescenti?

Attenzione, al momento si parla solo di prototipi in via di sviluppo, ma i ricercatori dell’università del Michigan sono al lavoro per creare una nuova tecnologia per la visualizzazione, basata per l’appunto sull’iridescenza. Roba da far sembrare l’e-ink una bazzecola. E sebbene l’esempio delle piume di pavone sia il più inflazionato, immaginate quali potrebbero essere le implicazioni di uno schermo riflettente a colori ed ad alta definizione montato su un lettore di ebook. C’è chi può considerarlo sprecato in tal contesto, non lo metto in dubbio, ma immaginate cosa potrebbe significare non aver più bisogno di nessun tipo di illuminazione per leggere e di poterlo fare a basso costo, sia in termini di spesa iniziale, sia in ricarica del dispositivo.

Va ripetuto, si è ancora ad una fase primordiale del progetto, ma carta elettronica, schermi a colori riflettenti e ereader a colori sarebbero la più facile e significativa messa in atto di questa tecnologia.  Televisioni, tablet, computer: le applicazioni potrebbero essere innumerevoli, e tutte caratterizzate da un grandioso risparmio energetico. Gli scienziati, guidati dal prof. Jay Huo, stanno sfruttando il fatto che la luce riesca ad entrare all’interno di nano-scanalature metalliche ed a rimanervi intrappolata, mantenendo la fedeltà dei colori “emessi” a prescindere dal loro angolo di visione. Commenta lo scienziato:

La luce passa all’interno di una nano-cavità la cui larghezza è molto più piccola della lunghezza d’onda della luce. Ed è così che siamo in grado di ottenere colori con risoluzione oltre il limite di diffrazione. Un altro aspetto è che lunghezze d’onda più grandi sono intrappolate in scanalature più strette.

Grandi parole, e se si riuscirà ad applicarle anche grandi risultati.

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>