Usa: nascono le librerie anticonvenzionali

di isayblog4 Commenta

Con la chiusura di molte piccole librerie affondate dai colossi della grande distribuzione, si sono affermate in molte città degli Stati Uniti altre librerie molto speciali, diverse dal solito e assolutamente anticonvenzionali e, a sentire le notizie che riguardano gli ultimi guadagni, i risultati non si fanno certo attendere.

La ricetta è molto semplice: i libri, prima relegati solo ed esclusivamente ai freddi scaffali delle librerie, oggi godono di una nuova posizione. Pasticcerie, negozi d’alta moda, ristoranti e punti vendita di arredamento, tutti i locali commerciali vedono al loro interno uno scaffale dedicato alla vendita di libri.

La soluzione ha riempito le casse delle case editrici specializzate grazie ad un astuto gioco commerciale. Cercavate un armadio nuovo da mettere in camera da letto? Mentre prendete le misure potreste ritrovarvi ad acquistare un volume sulla pulizia del legno. Eravate entrati in pasticceria per sorseggiare un cappuccino caldo con un amico e gustarvi un muffin in tutta pace e il vostro amico è in ritardo? Puff, ecco che già state acquistando, nell’attesa, un manuale di cucina o un saggio sulla nascita e la storia degli infusi.

La nuova strategia di vendita sembra aver soddisfatto davvero tutti: clienti, negozianti e, soprattutto, piccoli e grandi editori. Aspetto economico a parte, c’è sicuramente da fare un applauso per la trovata davvero geniale che, oltre a sconfiggere il pericolo di crisi sempre incombente, stimola anche la clientela ad acquistare un volume per se stessi o per gli altri diffondendo così l’amore e la passione per la lettura. Ma se pensate che a godere di questa strategia siano sempre e solo i grandi nomi dell’editoria vi sbagliate di grosso: la vendita al dettaglio di libri ha stimolato la diffusione degli scrittori esordienti che scelgono di autopubblicare le proprie opere o che hanno affidato il volume ai piccoli, e meno noti, editori.

E in Italia cosa stiamo aspettando?

[Photo Credits artsjournal]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>