Il titolo e la copertina fanno il bestseller?

di Giada Aramu Commenta

Il titolo e la copertina: ecco le due caratteristiche che saltano subito all’occhio del lettore che, alla ricerca di un nuovo romanzo da leggere, sta perlustrando con attenzione gli scaffali della libreria sotto casa. Non è necessaria un’indagine né una ricerca di mercato per stabilire che siano proprio questi due elementi a suggerire al  lettore la scelta di un romanzo, soprattutto quando questo è scritto da un autore che non si conosce.

Il titolo e la copertina, ancora prima della trama di una storia, convincono il lettore ad avvicinarsi a un romanzo agendo sul gusto personale e catturando l’attenzione del possibile acquirente; due variabili molto soggettive sulle quali, nonostante tutto, le case editrici impegnano decine di grafici ed editor per ogni pubblicazione, tutti impegnati nella ricerca della ricetta perfetta che trasformi l’inedito in un bestseller.

Riguardo al titolo, se siete amanti della letteratura internazionale e masticate almeno una lingua straniera, avrete sicuramente notato come l’editoria italiana sguinzagli la propria fantasia durante la decisione del titolo. Basta allungare il braccio verso lo scaffale della libreria e afferrare un libro qualunque per notare come il titolo finale non sia stato tradotto bensì completamente reinventato, il più delle volte con una sceltà più fantasiosa.

Dai titoli originali inglesi e spagnoli, ecco sbucare creativi titoli italiani, spesso poco affini alla trama del romanzo ma più accattivanti, soprattutto se adeguati a un’immagine di copertina altrettanto seducente agli occhi del lettore.

Quali sono secondo voi le immagini, e i titoli, che colpiscono di più? Personalmente trovo più persuasivi i titoli-citazione che prendono in prestito una frase del romanzo e che, slegati dal loro contenuto, vengono reiterati nel titolo, come un razzo in orbita lanciato di sorpresa. Ben vengano invece le copertine che ritraggono particolari fisici di uomini e donne, figure alle quali aggrapparsi quando, all’inizio del romanzo, si tenta di dare un volto al protagonista del romanzo.

Photo Credits | cwu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>