Recensione di Io che amo solo te, di Luca Bianchini

di Valentina Cervelli Commenta

Luca Bianchini non è un novellino. Ed in “Io che amo solo te“, questo si vede. E in modo preponderante. Non stupisce quindi che “Io che amo solo te” sia tra i libri più venduti qui nel nostro paese. Quando ad una bella storia si sa unire quel giusto pizzico di ironia a condire il tutto, il risultato non può essere altro che positivo.

Le “saghe famigliari” mi piacciono e questo libro in buona parte rientra secondo la sottoscritta nel cliché. Questo fattore non lo “deprezza” in qualità però.  Onestamente? Luca Bianchini è forse colui dal quale di più accetterei consigli per diventare scrittore, perché è in grado, o almeno lo è stato con questo romanzo, di divertire e far riflettere. E davvero non si può chiedere di più da un volume da leggere per evasione. Anche se parla di un matrimonio. La location pugliese poi, è un colpo di genio, davvero. Unico problema? Se devo essere sincera l’esagerata presenza di puntini di sospensione nei dialoghi. Ogni tanto danno modo di prendere un respiro mentre si legge, aiutano a far comprendere gli stati d’animo, ma devo ammettere che in questo caso il loro utilizzo l’ho trovato eccessivo in alcuni punti.

Per ciò che concerne i personaggi, bisogna togliersi tanto di cappello. Sebbene qualche figura rispetto ad altre sia rimasta un po’ nascosta, lo scrittore ha fatto davvero un ottimo lavoro nel caratterizzare i nostri compagni di viaggio. Perchè intendiamoci, nel momento in cui inizierete quel libro verrete totalmente catturati dalle storia. L’arco temporale della storia è di circa due giorni e mezzo e vi sembrerà di viverlo tutto completamente.

Ricapitolando: “Io che amo solo te” è una lettura piacevole. E Luca Bianchini dimostra tutta la sua capacità di scrittore in questo romanzo. A tal punto che non vi negherò la mia intenzione di dare uno sguardo anche alle opere passate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>